Rapinatore morto dopo scontro a fuoco con la polizia, indagati 5 agenti

Stando a quanto si apprende, sono cinque gli agenti indagati per la morte di Giovanni Rinaldi, 31enne pugliese morto nello scontro a fuoco con la polizia. Secondo la versione della Questura di Avellino, gli agenti avrebbero agito per legittima difesa, rispondendo al fuoco della banda. Ovviamente, trattasi di un atto dovuto per fare luce sulla dinamica dell’accaduto.

Rapinatore morto, indagati 5 poliziotti

Il 13 ottobre 2022, il terrore a Cesinali: i rapinatori, originari della Provincia di Foggia, si preparavano a mettere a segno un colpo con assalto a un portavalori dell’istituto di vigilanza Cosmopol di Avellino, allorquando sono stati intercettati dalla Polizia, con la collaborazione dei Carabinieri.

Ne scaturiva un conflitto a fuoco, al termine del quale uno dei malviventi veniva ucciso e altri tre arrestati. Il rapinatore Giovanni Rinaldi, un 31enne pregiudicato pugliese, è stato trovato morto sul sedile posteriore della jeep bianca ferma lungo i binari del territorio di Villa San Nicola, frazione di Cesinali. Nelle vetture erano presenti armi e materiale d’assalto: kalashnikov, munizioni, vernice e perfino granate.

Leggi anche Le tutele per chi denuncia irregolarità e comportamenti illegali si applicano anche al personale militare e di polizia

Leggi anche “Perché alle forze di Polizia non spetta l’anticipo di liquidazione?”

error: ll Contenuto è protetto