Polizia, la questura di Milano comunica ai familiari il decesso di un 64enne, ma l’uomo è vivo

La questura di Milano aveva comunicato il decesso ai parenti, ma il 64enne salentino era vivo e si trovava in ospedale. I familiari, avvisati tramite posta certificata della morte dell’uomo, avevano già avviato i preparativi per la cremazione.

Un 64enne di Sannicola, in provincia di Lecce, si è recato a Milano per sottoporsi a una cura ma, avendo smarrito il cellulare, per alcuni giorni non è stato rintracciabile. Da qui la preoccupazione dei parenti che hanno contattato la questura che ha risposto comunicando via Pec il decesso dell’uomo. Solamente dopo aver avviato i preparativi per la cremazione della salma e l’allestimento della camera ardente, i familiari hanno scoperto che il 64enne era vivo, ricoverato all’ospedale Fatebenefratelli di Milano.

“Storia grottesca”, il commento del sindaco di Sannicola

“Non è dato sapere come mai possa essersi verificato un così grave errore che ha gettato nello sconforto un’intera famiglia, la quale aveva già persino provveduto a contattare le pompe funebri per l’allestimento della camera ardente”, ha detto il sindaco di Sannicola, Cosimo Piccione. Prima di giungere alla conclusione che l’errore è stato commesso in questura, vi sarebbe stato, secondo quanto ricostruito dal sindaco di Sannicola, un rimpallo di responsabilità tra polizia e ospedale. “È una storia grottesca che non doveva accadere – conclude il primo cittadino – perché qui si parla della vita di un uomo e delle conseguenze di una notizia così drammatica, ma non vera, che ha scosso un’intera famiglia”.

Fonte Agi

Al costo di meno di un caffè al mese potrai leggere le nostre notizie senza gli spazi pubblicitari ed accedere a contenuti premium riservati agli abbonati – CLICCA QUI PER ABBONARTI

Source link

error: ll Contenuto è protetto