Napoli, finanzieri minacciati da immigrato. Perché il taser non viene assegnato anche alla Guardia di Finanza?

L’Unione Sindacale Italiana Finanzieri esprime ai colleghi che ieri a Napoli hanno fermato e arrestato un immigrato che ha dichiarato di rapinare una ragazza e ferire lo zio di quest’ultima. Solo il tempestivo intervento dei colleghi della vicina caserma ha evitato il peggio. Ma quando i Finanzieri hanno inseguito il malvivente, questi ha puntato contro di loro una pistola, in seguito rivelatasi finta. Il collega intervenuto è stato costretto, a scopo intimidatorio, ad usare l’arma in dotazione per fermare l’uomo, colpendolo alla coscia.

Tutto questo dimostra la necessità, anche per la Guardia di Finanza, di utilizzare il Taser che di fatto alza il livello di sicurezza per gli operatori di polizia. USIF, dunque, chiede che tale strumento possa entrare nelle dotazioni del Corpo per garantire anche i nostri interventi. *Servono dotazioni adeguate, protocolli operativi certi e maggiori tutele per chi difende il proprio Stato*”. Lo dichiara in una nota Vincenzo Piscozzo, Segretario Generale dell’Unione Sindacale Italiana Finanzieri (USIF), a proposito di quanto accaduto ieri nel quartiere di San Giovanni a Teduccio, periferia orientale di Napoli.

Commenti Facebook
error: Content is protected !!