Militari precari, a rischio migliaia di posti di lavoro. Da 190mila a 150mila unità, Vfp 2013/2014 saranno i primi

Con i colleghi on. Salvatore Deidda e on. Wanda Ferro ho interrogato il governo circa la situazione dei 1.000 militari che rischiano di perdere il lavoro per effetto della Legge 244/2012, che ha portato alla ristrutturazione del Ministero della Difesa e delle Forze Armate e che ha inciso sulla riorganizzazione e sull’operatività del settore.

 

Nello specifico, si tratta di unità che hanno già esercitato per molti anni le loro funzioni, acquisendo preparazione e strumenti per i quali lo Stato ha investito fondi, e che si ritroverebbero senza posto di lavoro». Così il deputato biscegliese di Fratelli d’Italia, Davide Galantino.

LEGGI ANCHE Ilva, Ciavarelli Cocer Marina: “Anche i militari hanno diritto di respirare”

«Malgrado le rassicurazioni del Sottosegretario alla Difesa – aggiunge Galantino – che ha garantito il reintegro del 20% delle unità complessive, abbiamo fatto notare che tale percentuale non è sufficiente a garantire anche quel ricambio generazionale di cui la nostra Nazione ha bisogno. Di fatto si passerebbe da 190mila a 150mila unità di personale militare delle tre Forze armate e naturalmente i volontari in ferma prefissata del 2013 e 2014 saranno i primi ad essere investiti da queste decisioni. Ritengo che il taglio agli sprechi possa avvenire in altre forme, diverse dal mandare a casa militari dopo tanti anni di sacrifici (parliamo di personale altamente qualificato, di età spesso superiore a 30 anni e con famiglia).

LEGGI ANCHE Approvato emendamento in senato: 60,5 milioni in più per il riordino delle carriere di forze armate e di polizia

Per questo abbiamo chiesto al Governo e in Commissione il superamento della 244/2012 con una proposta di legge a prima firma Deidda, con l’obiettivo di ridurre il più possibile il precariato nel settore e garantire allo stesso tempo la sicurezza dei cittadini nel delicato scenario internazionale.

LEGGI ANCHE Sgarbi diffamò Maresciallo dei carabinieri. 30mila euro di risarcimento per il sottufficiale