MANOVRA DI BILANCIO, RICCHI PREMI E COTILLON PER DIRIGENTI ED UFFICIALI

Una dettagliata analisi dell’associazione AS.SO.DI.PRO. sulla manovra di bilancio da poco varata chiarisce la destinazione delle risorse stanziate dal Governo. “Abbiamo già trattato in tempi non sospetti la legge di Bilancio lamentando penalizzazioni sulle pensioni di militari e poliziotti. Abbiamo fatto queste analisi quando la manovra non era stata ancora approvata ed il taglio del deficit da 2,4 al 2% imposto dalla UE faceva presagire il peggio. Ora che la Manovra è stata definitivamente approvata e pubblicata si può entrare nel dettaglio e scoprire tante altre cose.

Figli e figliastri, poliziotti e militari

Fanno la differenza due commi in particolare passati inosservati dalla stragrande maggioranza di addetti ai lavori. Comma 441 stanzia un fondo apposito di 210 Milioni di euro per i poliziotti per l’incremento nei rispettivi provvedimenti negoziali privilegiando gli istituti che valorizzano i servizi di natura “operativa”. In altre parole, quando partirà la concertazione per il Comparto Sicurezza ci saranno disponibili più di mille euro a testa per i poliziotti impegnati in servizi operativi. Per i militari niente. Non ci sarebbe nulla di male a fare delle scelte politiche per la sicurezza, se non fosse per il fatto che dopo la Turchia e la Russia siamo il paese con più poliziotti, dopo di noi Germania, Francia, Gran Bretagna e via dicendo. Fino ad oggi i governi precedenti si sono guardati bene dal fare differenziazioni così evidenti tra poliziotti e militari, tracciare un solco tra il Comparto Sicurezza e Difesa, vanificare gli sforzi fatti per riordinare le carriere.

Premi e cotillon per tutti i dirigenti senza distinzioni

Successivamente al Co.442, la Manovra di Bilancio inserisce risorse aggiuntive al “Fondo specificità” per le Forze di polizia per i dirigenti. Rispetto al comma precedente qui non si fanno distinzioni, si parla di polizia ma sono inseriti anche i militari, i vigili del fuoco e le carriere prefettizie. I Dirigenti sono trattati in egual misura, sia i poliziotti, sia colonnelli e generali delle FF.AA., sia dei Vigili del Fuoco. Specifiche risorse (a decorrere dal 2019 e tratte dagli stanziamenti del MEF per il finanziamento delle politiche di bilancio dei Ministeri) per la valorizzazione della specificità delle funzioni e delle responsabilità dirigenziali.  La cosa che fa pensare è il legame che si è trovato per rimpinguare lo stipendio di tutti i dirigenti, la tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica. ll contrasto all’immigrazione clandestina passa attraverso la valorizzazione economica dei Dirigenti di FF.AA e FF.PP.? Cose da pazzi!? Ci mancava solo che venivano inserite altre risorse per i dirigenti nel “Fondo per la difesa cibernetica” (co.227) e poi il colmo dei colmi era compiuto. Sembra ripetersi l’antico adagio napoleonico “..la truppa si lamenta, pagate i generali”, in vista dei sacrifici e lavoro richiesto ai poliziotti accontentiamo chi li dirige. Non si tratta di bruscolini l’incremento dei fondi è:
− per l’area negoziale dei dirigenti delle FP/FA, di cui all’art. 46 del “riordino” (+ 9,4M€, in linea con i confronti tecnici interforze);
− compensativo per Magg., Ten. Col. e qualifiche corrispondenti delle FP, di cui all’art. 45 del “riordino dei ruoli” (cd. “fondino”, incrementato di +7,5M€);
− per la retribuzione di posizione e di risultato dei dirigenti dei VF (+300mila €) e del personale della carriera prefettizia (+1,8M€. )

Quali risorse Contrattuali per militari e poliziotti

Mentre ai dirigenti sono previsti premi e cotillon per militari e poliziotti contrattualizzati le risorse sono esigue si parla di un aumento medio di 8 euro a testa. Tempo addietro ragionando sulla famosa questione sindacale dei militari avevamo spiegato perchè non tutti i militari vogliono il sindacato con questo articolo il ragionamento è più chiaro, i dirigenti colonnelli e generali delle FF.AA. sono figli della politica dei due forni, prendono da uno e dell’altro”