“Il basilico non è fresco”: detenuto aggredisce due agenti a calci e pugni

Momenti di tensione e paura al carcere di Tempio in Sardegna, dove un detenuto ha aggredito due agenti con pugni e calci per futili motivi. «Ancora un’aggressione a danno degli agenti nell’Istituto di Tempio, dove un detenuto ha protestato per dei generi alimentari forniti dalla ditta appaltatrice esterna, a suo dire ha ricevuto il basilico non fresco, e mentre l’agente gli forniva riscontro sulle lamentele ha dato in escandescenze e lo ha colpito ripetutamente con pugni e calci. È stato provvidenziale l’intervento di un altro agente che ha contenuto la furia aggressiva del detenuto con non poche difficoltà. Gli Agenti hanno riportato contusioni e tumefazioni con prognosi di 10 giorni di cure», ha reso noto il segretario generale della Uil Pa Polizia Penitenziaria della Sardegna, Michele Cireddu .

«È un altro episodio di violenza che si ripete dopo la grave aggressione a danno di un poliziotto che ha subito un vero e proprio sequestro da parte di un detenuto che aveva utilizzato un coltello rudimentale, ed anche in quell’occasione era stata provvidenziale l’intervento di un Sovrintendente che è riuscito a mediare e ottenere la liberazione dell’agente. Ormai questi episodi stanno certificando che la presenza dello Stato in territori considerati scomodi e di confine non è tangibile». ha aggiunto Cireddu.

error: ll Contenuto è protetto