I CARABINIERI DELL’UMBRIA ORGANIZZANO UN PELLEGRINAGGIO MILITARE, PRESENTE ANCHE IL MARO’ LA TORRE

Questa mattina nel Comune di Assisi, si è celebrata la giornata della famiglia dei Carabinieri organizzata dai delegati del Consiglio di Base di Rappresentanza dell’Umbria. Un pellegrinaggio militare, il secondo organizzato dai delegati del Co.Ba.R. (l’anno scorso fu la volta di Cascia), che ha coinvolto oltre 600 militari dell’Arma, in un appuntamento di grande valore interiore e professionale. Un grandissimo afflusso che ha visto, tra gli altri invitati, anche la straordinaria partecipazione del marò Massimiliano Latorre.
I militari e le loro famiglie hanno dapprima partecipato alla conferenza sul tema “La famiglia dei Carabinieri, linfa vitale per l’Arma”, presso la sala papale del  Sacro Convento, incontro in cui sono intervenuti, moderati dal Presidente del Co.Ba.R Ten. Col. Roberto Ripollino, l’Ordinario Militare S.E. Santo Marciano ed il Comandante Generale dell’Arma, Generale Del Sette.
Un momento di profonda spiritualità vissuto unitamente ai propri familiari, testimoni silenti ma sempre partecipi dei sacrifici quotidiani di ogni Carabiniere, affrontati con dedizione e spirito di “servizio”. Successivamente all’interno della Basilica Inferiore, è stata celebrata la Santa Messa da Monsignor Marcianò unitamente a Don Mauro Gabetti, Custode del Sacro Convento di Assisi e Don Rosario Gugliotta, Custode della Porziuncola in Santa Maria degli Angeli. La liturgia è stata animata dal Coro di “San Benedetto di Norcia”. 

“Un caloroso saluto a tutti militari presenti e le loro famiglie” è stato rivolto dal Comandante Generale Del Sette prima della foto di “rito” sul sagrato della basilica. Una foto con centinaia di militari con il suggestivo sfondo del panorama assisano. Subito dopo si è tenuto un pranzo di corpo con oltre 500 invitati, tra militari dell’Arma, in servizio ed in congedo, ed i familiari. Al termine della giornata il Comandante Generale si è fermato con i militari presenti e le loro famiglie.

Leave a Reply