FORZE ARMATE. DECRETO SICUREZZA UMILIATI SOLDATI, MARINAI E AVIERI

“I Co.Ce.R. di Esercito, Marina e Aeronautica riuniti per i criteri di attribuzione dei servizi istituzionali 2018 presentati dallo Stato Maggiore Difesa, esprimono la propria insoddisfazione, tanto da indurre la maggioranza dei delegati ad abbandonare l’incontro tecnico”.

E’ quanto si legge in un comunicato stampa diffuso oggi. “La delusione del Comparto Difesa trova altresì conferma con la presentazione del Decreto Sicurezza-Immigrazione al Consiglio dei Ministri. Nell’ambito di tale provvedimento non vi è traccia di stanziamenti per soddisfare le attività operative condotte dal personale militare nell’ambito della sicurezza del Paese, compresa quella relativa all’immigrazione.

I Co.Ce.R. all’unisono chiedono fortemente un immediato incontro con il Ministro della Difesa ed il Capo di Stato Maggiore della Difesa, per tale ingiustificata mancata considerazione.”

” Lo abbiamo chiesto in commissione Difesa e anche in diverse audizioni con Capo di Stato Maggiore ma alla luce del documento rilanciato dai rappresentanti Cocer del Comparto Difesa ribadiamo la richiesta, rivolta al Ministro della Difesa Trenta di convocare I rappresentanti dei nostri militari, regolarmente eletti recentemente dai nostri uomini e donne in divisa” dichiarano Salvatore Deidda e Wanda Ferro, capogruppo e componente Fdi della Commissione Difesa della Camera dei Deputati.