Fermato senza biglietto sul treno prende a calci un carabiniere

Movimentato episodio nel pomeriggio di giovedì su un treno della linea ferroviaria Milano-Lecco-Sondrio-Tirano. Il capotreno in servizio lungo la tratta ha chiesto il biglietto a un passeggero, quasi all’altezza della stazione di Delebio, e questi è risultato privo del titolo di viaggio. L’uomo, un italiano sui quarant’anni, ha iniziato a inveire contro l’addetto di Trenord che si apprestava a fargli il biglietto con conseguente addebito a suo carico o, in caso contrario, a scendere dal convoglio se non avesse accettato di pagare il ticket maggiorato. Le urla sono diventate sempre più forti, fino a preoccupare alcuni pendolari, anche perchè a un certo punto il “portoghese“ avrebbe tentato di aggredire il lavoratore dell’azienda di trasporti. Il quale, temendo il peggio, ha contattato la centrale per fare mandare al più presto i carabinieri.

Il treno è stato fatto fermare allo scalo di Delebio, dove è prontamente giunta una “gazzella“ dei carabinieri della locale caserma, dipendente dalla Compagnia di Chiavenna. I militari in servizio sono saliti sul vagone e quando hanno chiesto i documenti il viaggiatore, nativo di Milano, ma da qualche tempo residente a Sondrio, in chiaro stato di alterazione alcolica, si è scagliato contro di loro prendendo a calci uno degli uomini in divisa, colpito più volte a una gamba. È stato quindi arrestato con l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale e lesioni volontarie. 

Al costo di meno di un caffè al mese potrai leggere le nostre notizie senza gli spazi pubblicitari ed accedere a contenuti premium riservati agli abbonati – CLICCA QUI PER ABBONARTI

error: ll Contenuto è protetto