“FALSIFICARONO VERBALE DI UN INCIDENTE”, MARESCIALLO E DUE POLIZIOTTI NEI GUAI

Falso verbale per occultare la circostanza che il comandante della stazione di Palma di Montechiaro, che aveva avuto un incidente stradale, andava in giro con un ciclomotore senza revisione e assicurazione. Due poliziotti, il padre dell’automobilista coinvolto nello scontro e lo stesso luogotenente Luigi Mistretta finiscono sotto inchiesta. E’ quanto scrive Gerlando Cardinale per Agrigento Notizie.

Il pubblico ministero Elenia Manno ha fatto notificare l’avviso di conclusione delle indagini preliminari al sottufficiale dei carabinieri, di origini catanesi, ai poliziotti Gaetano Scarpello, 37 anni e Alessio Guzzo, 35 anni, e ad Angelo Romano, 47 anni. Con l’avviso di fine inchiesta, i difensori (fra gli altri gli avvocati Santo Lucia e Salvatore Broccio) potranno chiedere di produrre delle memorie o sollecitare un interrogatorio dei propri clienti.

Le accuse contestate sono di omissione in atti di ufficio e, per i soli poliziotti, di falso ideologico commesso da pubblico ufficiale in atto pubblico. La vicenda risale a poco meno di un anno fa. Il 19 ottobre del 2017 Marletta, a bordo di uno scooter senza assicurazione e revisione, andò a sbattere contro una “mini auto” di piccola cilindrata guidata da un ragazzo minorenne, figlio di Angelo Romano. Marletta restò ferito anche in maniera piuttosto seria ma, sostiene l’accusa, si preoccupò, con la complicità di Romano, di chiedere ai poliziotti di “aggiustare” il verbale. In particolare, secondo l’accusa, avrebbero omesso di effettuare gli accertamenti tecnici.

Commenti Facebook

Lascia un commento

error: Content is protected !!