Domenico Massari ricercato per l’omicidio della moglie non è un ex carabiniere

Ieri a Savona uno stabilimento balneare un uomo, Domenico Massari ha fatto fuoco e ucciso la ex moglie 39enne, Deborah Ballesio, durante una serata di karaoke al ristorante del bagno ‘aQuario’ in via Nizza a Savona.

Un’altra donna è stata ferita gravemente e una bambina è stata colpita di striscio. L’uomo è entrato dalla spiaggia e ha sparato tra la gente.

Prima di colpire la ex, l’uomo avrebbe gridato qualcosa alla donna: «Ti ricordi di me?». Sul posto carabinieri e ambulanze. L’uomo è fuggito armato di pistola.

L’irruzione ha colto tutti di sorpresa al punto che, nei primi istanti, si era sparsa la voce incontrollata che si trattasse di un attentato terroristico.

Una furia omicida che lo ha portato a sparare non solo a Deborah (raggiunta da almeno 5 colpi) ma anche ad alcuni clienti del locale, ferendone tre. Una donna di 55 anni è stata colpita da un proiettile alla gamba ed è stata trasportata d’urgenza al Santa Corona di Pietra Ligure: ha riportato la frattura del perone, questa mattina è stata dimessa con 30 giorni di prognosi. Una bambina, inoltre, è stata colpita di striscio ed è stata accompagnata al San Paolo, ma fortunatamente le sue condizioni non erano preoccupanti ed è stata dimessa a tarda notte. Resta ancora in ospedale la terza ferita, una donna di circa 50 anni con una scheggia nella gamba, che al momento è in osservazione nel pronto soccorso e, salvo complicazioni, dovrebbe essere dimessa in giornata.

L’uomo, che non è un ex carabiniere come inizialmente riportato, era già stato condannato per il reato di stalking nei confronti della Ballesio, alla quale aveva anche dato fuoco al night “Follia”, nell’agosto 2015, ad Altare.

Per quella storia aveva patteggiato una pena di tre anni e due mesi. Già prima dell’arresto, proprio in seguito alla denuncia della donna (che aveva subito diverse minacce telefoniche e non), nei confronti dell’uomo era stato emesso un divieto di avvicinarsi a lei. Una storia per lui evidentemente mai conclusa, che dopo anni di persecuzioni è sfociata in una tragedia.