Aizza il cane contro la madre e i passanti, i carabinieri abbattono l’animale e arrestano il proprietario

Un uomo di 37 anni è stato arrestato ad Altamura, in Puglia, per lesioni personali e resistenza a pubblico ufficiale. Secondo quanto ricostruito, il 37enne si aggirava con un cane di grossa taglia in via Gravina. Le forze dell’ordine sono intervenute su richiesta del personale dell’ufficio postale della zona, che aveva già visto l’uomo in evidente stato di alterazione. Il 37enne avrebbe infatti aggredito verbalmente la propria madre 59enne in strada, aizzando il cane prima contro di lei e poi verso i passanti che cercavano di calmarlo.

LEGGIA ANCHE Spara all’uomo che aveva tentato di investirlo: assolto il carabiniere accusato di tentato omicidio

Gli agenti sono intervenuti sul posto insieme al personale dell’Associazione Nazionale Protezione Animali Natura Ambiente, che avrebbe dovuto tranquillizzare e bloccare l’animale. A nulla però sono valsi i tentativi dei volontari: il 37enne ha continuato ad aizzare il cane contro i soccorritori intervenuti in via Gravina fino a causare il ferimento di un 57enne dell’Associazione Animali.

L’uomo è infatti stato azzannato a un braccio e gettato a terra dal cane, che nonostante i tentativi di tutte le persone intervenute non ha voluto mollare la presa. Per evitare conseguenze più gravi sul 57enne, che nel frattempo si contorceva dal dolore per la ferita riportata al braccio in seguito all’aggressione, si è reso necessario l’intervento delle forze dell’ordine che hanno dovuto esplodere due colpi di arma da fuoco contro il cane. L’animale di grossa taglia è purtroppo deceduto sul colpo davanti al suo proprietario, che è invece stato braccato dagli agenti e immobilizzato per eseguire il fermo. Sta bene invece il 57enne: il volontario è infatti stato condotto subito in ospedale e non è fortunatamente in gravi condizioni di salute. Il 37enne che aveva aggredito la madre in strada, invece, è stato arrestato per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale.

error: ll Contenuto è protetto