Si congeda e non restituisce le divise. Brigadiere della Guardia di Finanza sotto processo per appropriazione indebita

Non restituì divise e materiale di proprietà della Guardia di finanza, ex brigadiere a processo per appropriazione indebita. Si è aperto in Tribunale a Macerata il processo a carico di un ex finanziere di 53 anni originario di Camerino ma residente a Porto Sant’Elpidio. 

Leggi anche Difesa, una cuccia da 4mila euro per il cane del Capo di Stato Maggiore

L’ex militare delle Fiamme gialle, che era in servizio al comando di Macerata, si era congedato il 3 maggio del 2017. Dopo la formale richiesta di consegnare le divise all’Amministrazione, l’imputato l’8 maggio dichiarò che divise e materiale richiesti erano rimasti sepolti sotto le macerie dell’abitazione di sua proprietà che aveva a Camerino, distrutta dal terremoto dell’ottobre 2016 e poi demolita per ordine del Comune. Il giorno seguente fu eseguita una perquisizione nella sua abitazione ed erano state trovate delle divise che invece avrebbe dovuto riconsegnare, come prassi.

Leggi anche Il trapper insulta la polizia e urina sui verbali in diretta Instagram, la Questura lo allontana dalla città per due anni

I militari nel corso della perquisizione trovarono due divise, una giacca a vento, un giubbino, un cappotto, quattro camicie, un berretto, un paio di pantaloni. Tutto materiale della divisa della Finanza e che era stato sequestrato. Da qui l’accusa di appropriazione indebita.

Leggi anche Esclusione concorso polizia tatuaggio: ultime sentenze

Ieri mattina si è aperto il processo per appropriazione indebita dinanzi al giudice monocratico Marika Vecchiarino. Dopo la dichiarazione dell’apertura del dibattimento il processo è stato rinviato per iniziare a sentire i primi testimoni dell’accusa. L’ex finanziere è difeso dall’avvocato Tiziano Luzi. Per la difesa l’ex brigadiere non fece in tempo a restituire tutto il materiale richiesto, parte del quale sarebbe rimasto seppellito sotto le macerie dell’abitazione a Camerino.