L’Iran minaccia Charlie Hebdo

Il capo delle Guardie rivoluzionarie islamiche, Hossein Salami, ha minacciato gli autori delle vignette recentemente pubblicate dalla rivista satirica Charlie Hebdo, consigliando di “guardare alla sorte di Salman Rushdie” – lo scrittore vittima di un attacco terroristico la scorsa estate.

In seguito alla pubblicazione di nuove vignette sull’Ayatollah Ali Khamenei e sul regime iraniano pubblicate da Charlie Hebdo all’inizio di gennaio, poco prima dell’ottavo anniversario dell’attacco terroristico contro il settimanale satirico, il capo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche ha fatto i suoi commenti durante un viaggio, ha riferito il media statale iraniano IRNA.

Salami “ha consigliato ai francesi e ai creatori della rivista Charlie Hebdo di esaminare la sorte di Salman Rushdie”, ha aggiunto l’IRNA.

“Non scherzate con i musulmani, Salman Rushdie ha insultato il Corano e il Santo Profeta dell’Islam 30 anni fa e si è nascosto […]. Dopo molti anni, un giovane musulmano si è coraggiosamente vendicato di Salman Rushdie e nessuno ha potuto salvarlo”, ha proseguito.

La Francia riafferma il suo impegno costante e determinato a favore della libertà di stampa, della libertà di espressione e della protezione dei giornalisti ovunque nel mondo”, ha dichiarato mercoledì il ministero degli Esteri francese ai giornalisti, rispondendo ai commenti.

La minaccia contro i cittadini francesi è stata definita “inaccettabile” dalla diplomazia francese, che ha ricordato le parole della ministra degli Esteri Catherine Colonna del 5 gennaio: “In Francia la libertà di stampa esiste, a differenza dell’Iran, e si esercita sotto il controllo del giudice, nel quadro di un sistema giudiziario indipendente, cosa che probabilmente l’Iran non conosce”.

Il ministero degli Esteri aveva già indicato martedì che non era esclusa la classificazione della Guardia rivoluzionaria iraniana (IRGC) come “organizzazione terroristica” da parte dell’UE.

Inoltre, la ministra francese per l’Europa, Laurence Boone, ha dichiarato alla commissione per gli Affari europei dell’Assemblea nazionale che la Francia è ancora favorevole a sanzioni a livello europeo contro l’Iran finché il regime iraniano continuerà le sue politiche repressive.

Nonostante questa determinazione, la posizione del governo francese appare delicata perché “abbiamo degli ostaggi nelle prigioni iraniane, che vogliamo anche proteggere”, ha dichiarato Boone ai parlamentari francesi.

Al costo di meno di un caffè al mese potrai leggere le nostre notizie senza gli spazi pubblicitari ed accedere a contenuti premium riservati agli abbonati – CLICCA QUI PER ABBONARTI

error: ll Contenuto è protetto