LE IENE, MARESCIALLO DENUNCIA ACQUA CONTAMINATA: LA MARINA LO PROCESSA

Luigi Pelazza si occupa della vicenda del Maresciallo Emiliano Boi: Denuncia acqua contaminata: la Marina lo processa. Nel 2011 Boi chiede che l’acqua della fregata Duilio, su cui è imbarcato, venga analizzata: il timore è che l’acqua usata per bere e lavarsi, acqua marina purificata, sia contaminata. Il maresciallo infermiere, allarmato, denunciò immediatamente la situazione al comandante, che in risposta «alzò un muro».

«Egli mi comunicò che mi avrebbe comminato 15 giorni di arresti di rigore, aggiungendo che ero una sorta di terrorista che gli stava creando scocciature. La presi come una minaccia, tuttavia risposi che avrei corso il rischio di andare incontro a provvedimenti disciplinari pur di tutelare la salute collettiva, facendo nient’altro che il mio dovere di uomo, di infermiere e di militare».

Il maresciallo Boi, trovandosi l’intero comando contro, decise di rivolgersi a Luca Marco Comellini, segretario del partito dei diritti dei militari.

«Fu presentata un’interrogazione parlamentare. Nel frattempo, il comandante mi convocò per capire cosa fare, decidendo alla fine di seguire il mio consiglio: fare analizzare l’acqua utilizzata a bordo.

Il risultato dell’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente Ligure fu il giudizio di non idoneità al consumo umano per la presenza di sostanze contaminanti e cancerogene, nello specifico trialometani ed idrocarburi», racconta l’infermiere.

TUTTO CIÒ PERÒ NON FU SUFFICIENTE AD ARRESTARE IL CONSUMO DI ACQUA AUTOPRODOTTA

Continuò regolarmente l’impiego di tale acqua per l’igiene personale e per uso alimentare, sebbene non venisse più bevuta dai militari. Al momento è sotto processo al Tribunale militare di Verona, motivo per cui non può rispondere alle domande di Pelazza.


Sollecitata dal programma, la Marina non dà spiegazioni in merito. Pelazza raggiunge l’ammiraglio Giraldelli all’atterraggio a Ciampino: l’ammiraglio si trincera dietro un “le faremo sapere”. Rimane il fatto che , ad ora, i militari bevono acqua imbottigliata ma continuano a lavarsi e cucinare con un’acqua contaminata.

CLICCA QUI PER VEDERE IL VIDEO DELLE IENE