L’ALLARME DEL VIMINALE:“TOLLERANZA ZERO CON I VIOLENTI”. SILP “GLI AGENTI SONO TURBATI”

Sarà un weekend di passione, per le forze di polizia, chiamate a garantire l’ordine in decine di manifestazioni elettorali piccole e grandi. E’ quanto scrive Francesco Grignetti per la stampa.it. Ci sono però alcuni appuntamenti che più di altri preoccupano il ministero dell’Interno. «Problemi maggiori vengono dalle città dove sono in programma le manifestazioni contrapposte dell’estrema destra e dell’estrema sinistra», spiega una fonte di alto livello del Viminale. Più di Roma, dunque, dove l’Anpi chiama alla partecipazione di tante sigle, e l’intero arco della sinistra sarà in piazza, Pd compreso, i timori sono per Milano, Bologna, Trieste e Palermo dove sono previsti comizi dei leader di Forza Nuova e CasaPound e dove puntualmente si è mobilitata la sinistra più estrema, dai centri sociali a Potere al popolo, rispondendo all’antico richiamo dell’antifascismo militante.

Non è passata inosservata la brutta giornata di Pisa, in occasione dell’arrivo di Matteo Salvini. I fatti di Torino, però, dove gli estremisti dell’ultrasinistra si sono presentati armati di bombe-carta «arricchite» con bulloni e schegge, trasformando i petardi in veri e propri ordigni, sia pure rudimentali, lanciati contro gli agenti per fare male, segnano un’escalation che forse nessuno si aspettava. Di qui l’invito del ministro dell’Interno, Marco Minniti, a una «assunzione di responsabilità» e a «moderare tutti i toni». Chiosano al ministero: è urgente che si raffreddino le tensioni perché la spirale potrebbe montare ancor di più; anche perchè è nei fatti che sia Forza Nuova, sia CasaPound sono partiti che concorrono alla sfida elettorale e che quindi hanno i diritti degli altri.

Il limite «invalicabile», come dice Minniti, ma come ripetono anche i responsabili della polizia, è l’uso della violenza. È questa la linea che non si può e non si deve varcare. Sotto questo aspetto l’ordine è di non transigere: che la violenza venga da destra o da sinistra, le Digos sono state sollecitate, quando accadono disordini, a fare prestissimo affinché sia chiaro a tutti che non si sottovaluta il problema, né c’è la minima tolleranza. Ecco quindi i risultati a Perugia dopo il ferimento di due militanti di Potere al popolo; ecco i fermi a Palermo dopo il pestaggio di un dirigente di Forza Nuova.

Per frenare l’escalation, comunque, il Dipartimento di Ps ha deciso di blindare al massimo le piazze, in modo che ci sia sempre un tale schieramento di poliziotti e carabinieri a fare da deterrente. Il record sarà a Roma, con tremila uomini schierati. La Capitale avrà due cerchi concentrici di controllo, uno largo all’altezza dei caselli autostradali e del Grande Raccordo Anulare; l’altro al luogo del concentramento dove verranno usati anche i metal detector. E poi ci sarà ampio ricorso alle telecamere per filmare eventuali manifestanti violenti. Nel caso di Roma, non sono previste contrapposizioni con concomitanti manifestazioni dell’ultradestra e questo fa tirare un sospiro di sollievo ai responsabili dell’ordine pubblico. L’annunciata presenza di Matteo Renzi e di Laura Boldrini, però, a capo delle rispettive delegazioni di Pd e Leu, preoccupa chi dovrà garantire la tranquillità di tutti. Piazza blindata anche a Milano, dove il sindaco Beppe Sala ieri non nascondeva il timore di disordini dopo aver partecipato a una riunione in prefettura.


Chi ha il polso del personale, però, come il segretario del sindacato Silp-Cgil, Daniele Tissone, non nasconde che anche gli animi degli agenti sono turbati. Tissone non si meraviglierebbe troppo se la gestione della piazza da parte del reparto celere diventasse più dura. «Finora – dice – i colleghi si sono limitati a un’azione di contenimento, incassando anche più del dovuto. Ma sono bravi, ben preparati, formati anche psicologicamente. Se però cresce il livello della violenza e dell’aggressione, è ovvio quello che accadrà. Non lo auspico. Anzi, spero che si torni tutti più sereni».

Leave a Reply

error: Content is protected !!