ESERCITO E CARABINIERI ESCLUSI DALLA CASSA SOTTUFFICIALI, LE INGIUSTE SPEREQUAZIONI TRA IL PERSONALE DELLE FORZE ARMATE

Si tratta di un’illogica sperequazione tra il
personale della Marina Militare e Aeronautica Militare ed il personale
dell’Esercito Italiano e dell’Arma dei Carabinieri che contribuiscono
allo stesso modo alla cassa sottufficiali che  ha creato una diversità di
trattamento  e diversi contenziosi tra i destinatari.

  • [message]
    • In particolare il
      legislatore nell’art. 1919 del Decreto
      Legislativo n. 66/2010
        ha stabilito che l’indennità supplementare è dovuta al soli sottufficiali della Marina militare e dell’Aeronautica militare iscritti da  almeno sei anni al pertinente fondo, i quali sono:
      • trasferiti nei ruoli dei  dipendenti  civili  dell’Amministrazione dello Stato, con decorrenza  dalla  nomina  a  dipendente  civile di ruolo;  nominati  ufficiali  o  sottufficiali  in   servizio   permanente effettivo, con decorrenza dalla nomina a ufficiale o sottufficiale in servizio permanente effettivo;

Altresì, il comma 2 del citato art. 1919 stabilisce che l’indennità supplementare sia corrisposta anche prima dei sei anni di iscrizione ma solo al personale dei sottufficiali della marina militare ed aeronautica militare escludendo illogicamente da tale previsione il resto del personale che contribuisce alla cassa di previdenza e nello specifico i sottufficiali dell’esercito italiano e dell’Arma dei  Carabinieri.
In merito a tale problematica il Co.Ce.R. Esercito ha presentato una delibera, la 03/2014, nella quale si chiede di porre fine a tale sperequazione.


(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Leave a Reply

error: Content is protected !!