Effetti Green Pass, carabinieri decimati esce solo una pattuglia in un paesino. Brunetta esulta per il traguardo odierno, su le malattie del 23%

Il primo corto circuito dovuto al Green Pass obbligatorio in vigore da ogg, si è verificato proprio oggi a Tolmezzo, in provincia di Udine. Il nucleo radiomobile della cittadina friulana su undici carabinieri “comandati”, nove erano assenti. Sei di loro risultano tali ai sensi del decreto sul green pass, cioè sono sprovvisti di lasciapassare. Altri tre invece sono in “assenza giustificata”, probabilmente in ferie. Alla fine è uscita solo una pattuglia di mattina, il resto della giornata e la notte nessun veicolo di Pronto Intervento.

Ripianare le assenze dovute alla mancanza di Green Pass di molti operatori di polizia era uno degli effetti negativi ed i sindacati già da qualche settimana avevano lanciato l’allarme. Ma la risposta è stata solo l’uscita di circolari tardive e con differenti intepretazioni tali da generare solo confusione.

Eppure Brunetta esulta. Oggi scrive, il Ministro ”

✅ IL GREEN PASS FUNZIONA. L’ITALIA MODELLO DI SICUREZZA IN EUROPA.

Bene i dati del Commissario Figliuolo. Le prime dosi sono cresciute ieri del 34% rispetto all’inizio della settimana e, in generale, sono aumentate del 46% rispetto al trend stimato senza l’obbligo di certificazione verde. È l’effetto #greenpass. La strategia del Governo ha fatto balzare l’Italia ben al di sopra della media Ue. Ormai circa 46 milioni di italiani hanno ricevuto almeno una dose: l’85% della platea vaccinabile. L’81% ha completato il ciclo vaccinale.

Il green pass per i lavoratori è un acceleratore della ripartenza del Paese in sicurezza. Un traguardo importantissimo, ancora di più per la Pubblica amministrazione, dove da oggi si abbandona lo smart working emergenziale per entrare in una nuova normalità: piena operatività del front office e del back office, lavoro agile strutturato e regolato, grazie ai rinnovi contrattuali in via di definizione e ai Piani integrati di attività e organizzazione (Piao) che le amministrazioni dovranno adottare entro il 31 gennaio 2022.

L’assenza di criticità nella Pa testimonia la bontà delle scelte del Governo e dei provvedimenti varati per accompagnare l’obbligo di certificazione verde e il rientro negli uffici: il monitoraggio del Dipartimento della Funzione pubblica, in collaborazione con Formez PA, non ha evidenziato difficoltà negli accessi ai luoghi di lavoro e nell’organizzazione degli enti. Alle ore 12 i dati Inps sui certificati malattia, nel pubblico e nel privato, registravano un lieve aumento: erano 47.393 contro i 38.432 dell’8 ottobre e i 44.903 del 1° ottobre.

Il sistema tamponi, al momento, sta tenendo: alle 13 ne risultavano effettuati circa 200mila, contro i 100mila di ieri.”

In una settimana le malattie nel pubblico impiego sono aumentate del 23%, se queste non sono criticità per il Ministro..

Commenti Facebook

Lascia un commento

error: Content is protected !!