Difesa: Tofalo, Cocer offesi? Li invito nel mio ufficio. “Video popolare per punzecchiare le Rappresentanze”

Approfitto di questa occasione per porgere la mano a tutti quei rappresentanti che si sono sentiti offesi dal video invitandoli, sin da subito, nel mio ufficio o ad un tavolo in cui parlarsi di persona, guardarsi negli occhi e riconciliare gli animi evitando il protrarsi di inutili speculazioni”.

Cosi’ il sottosegretario alla Difesa, Angelo Tofalo, replica al Cocer che aveva chiesto al ministro della Difesa il ritiro delle sue deleghe, dopo il controverso filmato pubblicato dal sottosegretario su facebook con immagini di un film sugli ultimi giorni di Hitler.

“Ho gia’ avuto modo di spiegare attraverso un post sul mio profilo facebook – ricorda Tofalo – che all’interno del video, di cui disconosco l’autore, si utilizza la scena di un film molto popolare per punzecchiare i Parlamentari, il Governo, i vertici delle Forze armate e le Rappresentanze in una fase di maggiore apertura normativa a vantaggio dei diritti degli uomini e delle donne della Difesa.

Tra tutti gli attori citati gli unici che hanno voluto valutare quel video come offensivo sono stati i rappresentanti del Cocer. Mi dispiace – aggiunge – che da questa lettura si e’ voluto far intendere che il mio gesto avesse secondi fini, ovviamente non meglio specificati. Sono certo inoltre che abbiamo tutti lo stesso rispetto per la democrazia in quanto, a differenza dei click, sia i voti che garantiscono la Rappresentanza Militare sia quelli che consentono la Rappresentanza politica non sono figli di un dio minore”.

“Faccio infatti notare ai Rappresentati – prosegue il sottosegretario – che ogni riunione comunicata ai miei uffici ha visto la partecipazione del sottoscritto o di un mio delegato che ha riportato sempre con solerzia le legittime istanze presentate alle audizioni”.