ASSUNZIONI STRAORDINARIE FORZE DI POLIZIA: FACCIAMO CHIAREZZA. I NUMERI DELLE ASSUNZIONI E DEI CONGEDI

La proposta normativa è volta all’assunzione
straordinaria per le emergenze connesse ai servizi di ordine e sicurezza
pubblica, connesse, in particolare, all’imminente Giubileo – tenuto conto dei
contestuali gravosi compiti istituzionali correlati al potenziamento dei
servizi e dell’attività di prevenzione e di contrasto della criminalità, con
specifico riferimento alla recente minaccia terroristica – di 2.500 unità
complessive nei ruoli inziali della Polizia di Stato, dell’Anna dei carabinieri
e del Corpo della Guardia di finanza, per ciascuno degli anni 2015 e 2016, con
decorrenza non anteriore al l ottobre 2015 e ali ottobre 2016, a valere sulle
facoltà assunzionali del2016 e 2017.

Per le esigenze di soccorso pubblico,
anch’esse connesse all’imminente Giubileo è prevista l’assunzione straordinaria
di 250 unità nel ruolo iniziale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, a
valere sulle facoltà assunzionali del 2016 previste a normativa vigente ed in
data non anteriore al l ottobre 2015. Attesa l’urgenza di poter disporre di
nuovo personale da avviare in tempi rapidi al corso di formazione,
indispensabile per impiegarlo all’avvio dello svolgimento del Giubileo, la
proposta, al comma l, prevede – in via eccezionale e in deroga alle aliquote
del previsto turn over – la possibilità di avviare ai corsi di formazione, a
partire dal l ottobre 2015, i vincitori dei concorsi per volontari in ferma
quadriennale nelle Forze armate, le cui graduatorie sono state approvate in
data non anteriore al l gennaio 20 Il, nonché per i posti residui con gli
idonei non vincitori attraverso lo scorrimento delle graduatorie dei medesimi
concorsi. Per l’Anna dei carabinieri è altresì prevista la possibilità di
ampliare i posti dei concorsi banditi ai sensi dell’art. 2199, comma 4, lettera
a), decreto legislativo n. 66 del 2010.

In particolare, con il comma l: – per la
Polizia di Stato, si prevede l’assunzione di 1.050 unità per l’anno 2015 e per
l’anno 2016, attingendo prioritariamente alle graduatorie dei concorsi indetti
negli anni 2010, 2011 e 2013 per i vincitori che stanno completando la ferma
quadriennale e, per i posti residui, attraverso lo scorrimento delle
graduatorie per gli idonei non vincitori dei medesimi concorsi, nonché di
quello indetto nel 2014; per l’Arma dei carabinieri, si prevede l’assunzione di
1.050 unità per l’anno 2015 e per l’anno 2016, dei vincitori del concorso
indetto nel 2011 che stanno completando la ferma quadriennale e lo scorrimento
della graduatoria degli idonei non vincitori del medesimo concorso, nonché, per
i posti residui, l’ampliamento dei posti dei concorsi banditi nel 2015 e nel 2016,
ai sensi dell’articolo 2199, comma 4, lettera a), e 2201 del decreto
legislativo n. 66 del 2010, assunzioni da effettuare con decorrenza non
anteriore al l ottobre 2015; per il Corpo della guardia di finanza, si prevede
l’assunzione di 400 unità per l’anno 2015 e per l’anno 2016, attingendo
prioritariamente alle graduatorie dei concorsi indetti negli anni 2010, 2011 e
2012 per i vincitori che stanno completando la ferma quadriennale e, per i
posti residui, attraverso lo scorrimento delle graduatorie per gli idonei non vincitori
dei medesimi concorsi. L’assunzione anticipata di tutti i vincitori dei
concorsi in ferma quadriennale risulta coerente con le disposizioni di cui agli
articoli 703 e 2199 del citato decreto legislativo n. 66 del 2010, che
prevedono al 31 dicembre 2015 il termine del meccanismo della ferma quadriennale.
Con il
comma 2
della proposta si rinvia, per le
relative modalità attuative, a provvedimenti delle Amministrazioni interessate
da adottare entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di
conversione del presente decreto-legge, sulla base di specifici criteri
coerenti con le predette esigenze di immettere in servizio in tempi brevi nuovo
personale.
Con il
comma 3
si prevede, per l’anno 2015, a
valere sulle facoltà assunzionali del 2016, l’assunzione nei ruoli iniziali del
Corpo nazionale dei vigili del fuoco di 250 unità, attingendo in parti uguali
al serbatoio delle due graduatorie per vigile del fuoco, vigenti sino a tutto
il 2016, ai sensi dell’articolo 8, del decreto legge 101/2013, convertito dalla
L.l25/2013.
Il
comma 4
dispone l’anticipazione, dal 1°
dicembre al 1° ottobre 2015, delle assunzioni nei ruoli iniziali delle stesse
Forze di polizia e del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, già autorizzate ai
sensi dell’articolo l, comma 264, della legge 23 dicembre 2014, n. 190, cui si
aggiungono quelle di cui ai commi l e 3.
Con il
comma 5
, si prevede che le residue
facoltà assunzionali relative agli anni 2016 e 2017, ai sensi dell’articolo 66,
comma 9-bis del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito dalla legge 6
agosto 2008, n. 133, tenuto altresì conto delle assunzioni di cui ai commi l e
3, non potranno essere effettuate in data anteriore al l dicembre 2016 e al l
dicembre 2017, fatta eccezione per alcune categorie.
Infine, il comma 6 prevede che alla copertura
degli oneri derivanti dalla predetta assunzione di 2.750 unità di personale, per
gli anni 2015 pari a 16.655.427 euro e per il 2016 pari a 11.217.902, si
provveda mediante l’impiego della corrispondente somma disponibile ai sensi
dell’articolo 5, comma l, del decreto-legge 20 giugno 2012, n. 79, convertito,
con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 131, la quale è versata
all’entrata del bilancio dello Stato per essere riassegnata ai pertinenti
programmi degli stati di previsione dei Ministeri interessati.
Al riguardo, si allegano la tabella riepilogativa
dell’onere complessivo della presente proposta per gli anni 2015 e 2016, nonché
le schede di quantificazione degli oneri per l’anno 2015, per ogni
Amministrazione interessata, calcolati con i medesimi criteri impiegati per la
quantificazione degli oneri relative a precedenti analoghe assunzioni nelle
stesse Forze di polizia e nel Corpo nazionale dei vigili del fuoco:
– per la Polizia di Stato, quantificato in 7.323.750
euro.
– per l’Arma dei Carabinieri, quantificato in
14.044.969 euro;
– per il Corpo della Guardia di finanza, quantificato
in 3.320.684 euro.
– per il Corpo nazionale dei vigili del fuoco,
quantificato in 3.183.926 euro esclusivamente per l’anno 2015.
Si riportano di seguito le cessazioni previste per
l’anno 2015 ai fini dell’autorizzazione alle assunzioni ai sensi dell’art. 66,
comma 9-bis del decreto legge n. 112 del 2008:
Polizia di Stato: 2.098;
Arma dei Carabinieri: 2.200;
Guardia di finanza: 1.1 96;
Vigili del fuoco: 492.
Si presume che analoghe cessazioni si verificheranno
per l’anno 2016.
© InFoDifesa.it
Commenti Facebook

Lascia un commento

error: Content is protected !!