ARCHIVIAZIONE DEL PROCEDIMENTO PER I DUE POLIZIOTTI CHE SPARARONO AL TERRORISTA DI BERLINO

(di Valentina Rigano) – La Procura della Repubblica di Monza ha richiesto l’archiviazione del procedimento a carico dei due agenti della Polizia di Stato di Sesto San Giovanni, che lo scorso 23 dicembre spararono ad Anis Amri, l’attentatore di Berlino, uccidendolo.

Secondo la Procura, le indagini sono state coordinate dal Procuratore della Repubblica Luisa Zanetti in persona, gli agenti si trovarono nella necessaria condizione di fare fuoco per legittima difesa, venendo poi indagati a modello 45 (ovvero senza ipotesi di reato) per “atto dovuto”.

Amri, che scagliandosi a bordo di un tir rubato (anch’esso partito dalla provincia milanese e rubato durante il viaggio da Amri che uccise anche il conducente), aveva ucciso dodici morti nei mercatini di Natale di Berlino. I due agenti, che lo intercettarono di notte nei pressi della stazione di Sesto San Giovanni, quando si avvicinarono per controllarlo furono aggrediti a colpi di calibro 22, tanto che uno dei due giovanissimi poliziotti finì a terra, ferito. Il clamore suscitato dalla vicenda, che aveva annoverato tra gli eroi contemporanei i due agenti, si era però tradotto in aspra polemica circa l’aver rivelato i loro nomi, motivo per cui noi scegliamo oggi di non ricordarli. Non per mancanza di riconoscenza, ma a tutela della loro sicurezza, come richiesto dalla Polizia stessa. (MBNews)

Commenti Facebook

Lascia un commento

error: Content is protected !!