AFGHANISTAN, SCOPERTO SANTUARIO DI AL-QAEDA: BERRETTI VERDI E NAVY SEALS ELIMINANO 160 TERRORISTI

(di Franco
Iacch) – E’
stato definita come una delle più grandi operazioni di terra condotta in
Afghanistan dai berretti verdi. Un importante campo di addestramento di
al-Qaeda, nel sud dell’Afghanistan, è stato attaccato dalle forze speciali USA
supportate da 200 truppe afghane. Da rilevare un particolare: nonostante
l’imponente rete satellitare degli Stati Uniti, il campo è stato scoperto
soltanto lo sorso luglio. E non parliamo di certo di un piccolo villaggio.

Nei
pressi di Shorabak, vicino al confine con il Pakistan, al-Qaeda aveva creato
due siti: un primo campo di addestramento di un miglio quadrato ed un secondo
di quasi 30 miglia quadrate. Prima dell’assalto terrestre, gli Stati Uniti
hanno provveduto ad “ammorbidire” i due siti con 63 raid aerei. L’assalto
terrestre, avvenuto l’11 ottobre scorso, è stato condotto dai berretti verdi, i
“moltiplicatori” USA in Afghanistan fin dalla fine degli anni 90 e da due team
di Navy Seal. Durante il raid sono stati eliminati almeno 160 terroristi.
La
presenza di al-Qaeda nella Regione, è stata probabilmente causata
dall’incremento delle operazioni militari pakistane dall’altra parte del
confine. Abbiamo colpito un grande santuario di al-Qaeda –
commentano dal Pentagono – abbiamo sequestrato un gran numero di armi
ed attrezzature digitali, anche se non possiamo dire per quanto tempo i
terroristi abbiano eluso il nostro rilevamento
.

“Questo
campo è stato costruito per essere una struttura di formazione di fascia alta
per il personale nemico. Un campo unico nel suo genere, suddiviso per aree di
formazione di base ed avanzata. La formazione variava dalla forma fisica al
maneggio delle armi, dalle nozioni di chimica per la produzione di esplosivi
avanzati all’addestramento per i cecchini”.