Vandalizza 3 treni, minaccia un macchinista e dà uno schiaffo a un carabiniere: arrestato

In un’ora è riuscito a vandalizzare tre treni, a far sopprimere altrettante corse e a rifilare degli schiaffi a un carabiniere. Una serata che per un 30enne senza fissa dimora, e visibilmente ubriaco, si è conclusa con l’arresto per danneggiamento aggravato, interruzione di pubblico servizio, resistenza, violenza e minaccia a pubblico ufficiale e lesioni.

LEGGI ANCHE La legge di bilancio aumenta organico dell’Arma dei Carabinieri, ma solo del ruolo ufficiali: ecco cosa prevede

Gli estintori svuotati e i freni d’emergenza tirati uno dopo l’altro

A chiamare il 112 è stato un passeggero fermo alla stazione di Mortara, in provincia di Pavia. Erano le 20 e 20 di mercoledì 28 dicembre quando un uomo, un cittadino marocchino, ha tirato diverse leve dei freni di emergenza e svuotato due estintori all’interno del treno che percorre la tratta Pavia-Vercelli.

LEGGI ANCHE Crosetto, via i burocrati capaci solo di dire no “Inutile comprare una nave in più se poi non hai i marinai da metterci sopra”

Una volta fermato quel convoglio, è sceso per poi salire subito sul Milano-Mortara che era arrivato da poco al capolinea. Lì ha asportato due asce e alcuni martelletti frangivetri e, così armato, è riuscito a entrare nella cabina di un terzo treno, minacciando il macchinista e tentando di far partire il convoglio,

L’intervento dei carabinieri e l’arresto

Per bloccarlo è stato necessario l’intervento dei carabinieri della sezione Radiomobile della compagnia di Vigevano e della stazione di Sartirana Lomellina. Aperta la porta della cabina dall’esterno, sono riusciti a farsi consegnare le asce usando anche un taser.

Sembrava tutto finito. Il 30enne era stato accompagnato dai carabinieri alla caserma di Vigevano. Tuttavia, appena gli hanno tolto le manette per eseguire la perquisizione, ha colpito un carabiniere con uno schiaffo al viso e un secondo alla spalla sinistra. Per bloccarlo ancora una volta, è stato richiesto l’intervento dell’automedica del 118 per procedere alla sua sedazione. Ora il 30enne si trova nel carcere di Torre del Gallo a Pavia, in attesa del processo per direttissima.

error: ll Contenuto è protetto