SI PAGHI L’UNA TANTUM 2014, RECUPERANDO LE SOMME GIA’ INUTILMENTE LIQUIDATE AGLI UFFICIALI DIRIGENTI

Il 2 aprile scorso, il CoCeR della Guardia di
finanza ha approvato all’unanimità due delibere relative al pagamento della cd una
tantum
, ossia quella misura economica
finalizzata a ristorare in parte i Finanzieri colpiti dal blocco retributivo
nel quadriennio 2011-2014.

Con le suddette delibere, tutti i delegati del CoCeR
chiedono il pagamento dell’una tantum relativa al 2014 e,
contemporaneamente, il recupero delle somme già liquidate a tale titolo agli
Ufficiali dirigenti nel triennio 2011-2013.
Infatti, per tale categoria le indennità perequativa
e di posizione sono state espunte dall’ambito di applicazione del blocco
retributivo (art. 9 DL 78/2010) ed interamente riconosciute agli aventi
diritto, compresi gli arretrati dal 1° gennaio 2011.
Però gli Ufficiali dirigenti avevano nel frattempo
goduto delle misure una tantum annuali, alla pari di tutto il
restante personale colpito dal blocco. Al di là della sollecitazione del CoCeR,
si rende quindi ora doveroso da parte dell’Amministrazione procedere al
recupero di tali somme pagate a suo tempo, al fine di poterle ripartire per i
Finanzieri che hanno effettivamente subito gli effetti negativi del D.L.
78/2010.
Pubblichiamo le delibere in questione ai seguenti
link: