Salta l’emendamento per la ricostituzione del Corpo Forestale

Nel dicembre 2016 il governo italiano ha preso una decisione storica: l’accorpamento del Corpo forestale dello Stato con l’Arma dei carabinieri. La legge delega 124/2015 ha stabilito che tutto il personale del Corpo forestale dello Stato dovesse transitare nell’Arma o in altre forze di polizia o amministrazioni.

La scelta legislativa, motivata essenzialmente da ragioni di bilancio e di razionalizzazione delle risorse pubbliche, ha prodotto una lunga sequela di ricorsi al Tar da parte di componenti del Corpo forestale che non intendevano trasferirsi nelle nuove amministrazioni di riferimento. Si è contestata, in particolare, la legittimità costituzionale della riforma sotto diversi profili.

Sul punto è intervenuta in modo apparentemente definitivo e “tombale” la Corte Costituzionale con la sentenza 170/2019. Il Giudice delle Leggi, dissipando tutti i dubbi di legittimità, ha ritenuto che il riordino del Corpo forestale previsto dal d.lgs citato rientri nell’ambito di discrezionalità del Legislatore e le scelte operate siano ponderate e ragionevoli.

LEGGI ANCHE Ufficiali Forze Armate, un emendamento alla Legge di bilancio chiede un aumento del soprannumero

L’emendamento per ricostituzione del Corpo Forestale

La Commissione Bilancio della Camera ha recentemente dichiarato inammissibili circa mille emendamenti alla legge di bilancio che erano stati presentati. Tra questi, non è passato l’emendamento a firma Fabio Rampelli (Fratelli d’Italia) che prevedeva la ricostituzione del Corpo forestale dello Stato. La norma, che interessava la forza di polizia la cui operatività è cessata il 31 dicembre 2016 e che in larga parte è stata trasferita nel Comando unità forestali, ambientali e agroalimentari dei carabinieri, non è stata ritenuta tra quelle approvabili.

error: ll Contenuto è protetto