POLIZIA: LO STIPENDIO NON BASTA. AGENTI COSTRETTI A CHIEDERE AIUTI ECONOMICI

Sempre piu’ poliziotti chiedono
aiuto finanziario a causa di difficolta’ economiche legate alla crisi. Ed il
Dipartimento della Pubblica sicurezza ha aumentato i contributi a favore del
personale.

Una circolare inviata dal Dipartimento ai sindacati parla di “numerose
richieste di contributo che pervengono dai dipendenti il cui nucleo familiare
presenta difficolta’ a causa delle sempre piu’ crescenti situazioni di disagio
economico”. Sono stati cosi’ ritoccati, aumentandoli da 600 a 1.000 euro,
i contributi per contingenti difficolta’ economiche, sia per i dipendenti in servizio
che quelli cessati dal servizio. Per il decesso del coniuge o dei figli
fiscalmente a carco del dipendente in servizio il contributo e’ passato da 800
a 1.200 euro. Anche il limite massimo del contributo per danno subiti a causa
di atti di ritorsione e per spese relative agli oneri legali e’ stato elevato
da 2.600 a 3.000 euro.  “E’
l’ennesima dimostrazione – commenta Daniele Tissone,  segretario generale del sindacato di polizia
Silp-Cgil – che c’e’ un continuo abbassamento del reddito degli operatori di
polizia e, in assenza di interventi sul piano degli aumenti contrattuali e
dello sblocco degli automatismi stipendiali, la situazione non puo’ che
peggiorare”. 
Commenti Facebook

Lascia un commento

error: Content is protected !!