OLTRE 1000 MIGRANTI SALVATI DALLE NAVI DELLA MARINA MILITARE

Con il
miglioramento delle condizioni meteorologiche, domenica 16 Febbraio, sono stati
individuati dagli elicotteri del dispositivo navale dell’operazione Mare
Nostrum, dalle ore 11.10 di mattina alle prime ore del pomeriggio, in un’area
compresa tra le 80 e le 100 miglia a sud – est di Lampedusa, due barconi
carichi di migranti provenienti dalle coste libiche.
Sul primo di
essi sono intervenute la fregata Espero e la nave anfibia San Giusto.

Constatata la scarsa galleggiabilità, il sovrannumero di persone a bordo, tutte
prive di dotazioni di sicurezza, è stata dichiarata la situazione di emergenza;
grazie alla congiunta azione di soccorso delle due navi della Marina Militare,
intorno alle ore 1410 locali si sono potuti recuperare a bordo di Nave San
Giusto tutti i 244 migranti di cui 41 donne e 11 minori.

Sulla seconda
imbarcazione è intervenuta nave Aliseo, assistita da nave Stromboli, che dopo
aver dichiarato la situazione di emergenza, constatato il sovraffollamento e le
precarie condizioni del barcone, soccorreva e recuperava a bordo dell’unità
tutti i migranti. Sono state coinvolte nelle operazioni di soccorso anche 2
motovedette della Capitaneria di Porto, partite da Lampedusa. La cooperazione
messa in atto ha portato al soccorso dei 263 migranti, di cui 30 donne (due in
stato interessante), 35 minori ed un neonato.

I migranti
soccorsi ieri, 507 in totale, vanno ad aggiungersi alle 572 persone già
recuperate e soccorse tra la giornata di venerdì e sabato. In sintesi, nelle
ultime 72 ore, sono stati portati in salvo dalle unità della Marina Militare
partecipanti all’Operazione Mare Nostrum 1079 migranti, la maggior parte
dei quali, attualmente a bordo di nave San Giusto, verrà sbarcata ad Augusta il
prossimo 18 febbraio.

Leave a Reply

error: Content is protected !!