“MARÒ IN VIAGGIO VERSO L’ITALIA, LIBERATI”: LA BUFALA CHE VIAGGIA SUL WEB

È
apparso sul sito Il GioMale (da non confondere con
quotidiano Il Giornale
) martedì 15 dicembre 2015 un post dal titolo “Marò
in viaggio verso l’Italia, liberati, finalmente tornano a casa”.

Naturalmente
si tratta di una bufala. Ecco cosa c’è scritto sul sito internet:
È ufficiale,
dopo anni di reclusione in un posto ostile come l’India, i Marò sono stati
rilasciati ed è stato permesso loro di tornare in Italia, essi sono infatti già
in viaggio e dovrebbero raggiungere l’Italia tra pochi giorni.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Naturalmente
la notizia è infondata. Addirittura sul sito si parla di un fantomatico
“piano B” nel quale l’autore di questo post ha coinvolto anche Putin:
Il
piano B, riguardava infatti la liberazione forzata degli italiani di fronte ad
ostruzionismo da parte del governo Indiano, questo piano è stato inattuabile
per tutto questo tempo, ma negli ultimi mesi qualcosa è cambiato, protagonista
del piano B è stato Putin, e l’alleanza Italia-Russia nella liberazione dei due
Marò.
L’unica
– e vera – novità, al momento, è la richiesta al tribunale dell’Aja per il
ritorno di Girone in Italia presentata pochi giorni fa. Ecco quanto
riportato dal Sole24Ore:
L’Italia
ha depositato presso la Corte permanente d’arbitrato de l’Aja una richiesta di
«autorizzare il fuciliere Girone a tornare in Italia e a restarvi per tutta la
durata della procedura arbitrale in corso fra le Parti». Lo ha reso noto ieri
la Farnesina. «Con tale istanza – si legge nel comunicato del ministero –
l’Italia ha chiesto di riconoscere e proteggere alcuni diritti fondamentali
anche prima delle soluzione definitiva della controversia. Il Tribunale fisserà
la data di discussione della richiesta italiana».