MAMMA POVERA RUBA DOLCI PER IL BIMBO, PAGANO I CARABINIERI

(di Paolo Ippoliti) – «Summus
ius summa iniura» diceva Cicerone, ovvero la massima giustizia si può
trasformare nella più grande ingiustizia. 

Questo, latino o no, devono aver
pensato sabato scorso i carabinieri di Umbertide quando si
sono trovati davanti a una donna poverissima, madre di un
bambino in tenera età, che aveva rubato qualche dolciume per il
compleanno 
del suo piccolo. Una storia commovente che ha toccato nel
profondo gli uomini in divisa i quali, fermo restando il rispetto della legge,
hanno evitato alla donna, una trentenne proveniente
dall’Europa dell’Est residente da tempo in città con regolare permesso di
soggiorno, una denuncia per furto.
I
FATTI. Sabato pomeriggio una pattuglia di carabinieri della stazione di
Umbertide è stata allertata dai responsabili di un hard discount della
città:gli addetti all’anti-taccheggio dell’esercizio commerciale avevano «beccato» una
donna a rubare tra gli scaffali. La straniera, giunta alla cassa, aveva dovuto
mostrare il contenuto della sua borsa nella quale erano stati nascosti alcuni pacchetti di
caramelle, cioccolatini epatatine. Un furto da una decina di euro o
poco più, ma sufficiente per una denuncia con tutte le conseguenze del caso. La
straniera, sentita dai carabinieri giunti sul posto, scossa e tra le lacrime ha
spiegato la motivazione del gesto: cioccolatini e caramelle non erano altro che
il regalo di compleanno per il suo figlioletto.
I militari,
dopo aver identificato la straniera, ne hanno verificato il racconto,
risultato veritiero: il bimbo compie gli anni proprio in
questi giorni. Dietro il furto solo la disperazione di una madre che,
abbandonata dal marito, disoccupata e senza denaro, avrebbe voluto regalare al
suo piccolo un compleanno ‘quasi’uguale a quello di altri tanti bambini,
che avesse unito alla dolcezza dell’abbraccio della mamma anche quella di un
po’ di cioccolata.
Da
qui la decisione dei carabinieri che, al momento di redigere il verbale, a
fronte della disponibilità del titolare dell’hard discount a ritirare
la denuncia dietro pagamento del conto, hanno aperto il portafoglio,
facendosi carico della somma
. Un bel gesto, che si è meritato la
grandissima gratitudine della donna. Cantava Fabrizio De Andrè: «Il
cuore tenero non è una dote di cui sian colmi i carabinieri». Ma evidentemente non
è proprio così… 

          

Commenti Facebook

Lascia un commento

error: Content is protected !!