L’Italia potrebbe sostituire gli USA nella protezione dello spazio aereo slovacco

L’Italia potrebbe sostituire gli Stati Uniti nel garantire la protezione dello spazio aereo slovacco, dal momento che gli USA hanno annunciato che staccheranno la spina al loro sistema di difesa aerea Patriot in Slovacchia. A dichiararlo, il ministro slovacco della Difesa Jaroslav Naď.

“Esperti dell’esercito italiano sono stati in Slovacchia per esaminare i possibili luoghi in cui il loro sistema potrebbe operare, ma non è stato ancora deciso nulla”, ha detto il ministro Naď, aggiungendo che non c’è ancora nulla di certo e che le forze armate italiane sono una delle alternative.

Passare il testimone all’Italia significherebbe abbandonare i Patriot a favore del moderno sistema italo-francese SAMP/T, progettato per proteggere il campo di battaglia o gli oggetti strategici da aerei, missili e droni – meglio conosciuto come Mamba.

Per aiutare lo sforzo bellico, la Slovacchia ha donato il suo sistema sovietico S-300 all’Ucraina nell’aprile dello scorso anno, ma in cambio ha ricevuto quattro batterie di sistemi Patriot – una dai Paesi Bassi, due dalla Germania e una dagli Stati Uniti – tutte ancora appartenenti ai partner occidentali.

A dicembre, i Paesi Bassi hanno recuperato la loro batteria di sistemi Patriot, adducendo come motivazione la manutenzione. Anche la Germania probabilmente riprenderà una delle sue batterie, anche se probabilmente solo nel 2024, ha detto Naď.

Il presidente del Consiglio nazionale Boris Kollár aveva precedentemente ipotizzato che la Slovacchia potesse acquistare le batterie a un prezzo inferiore come soluzione a lungo termine per la difesa aerea, ma Naď ha respinto l’idea, affermando che il ministero della Difesa “ci sta lavorando, considerando diverse opzioni”.

Con la rimozione della batteria statunitense Patriot, se ne andranno anche circa 100 soldati americani che gestiscono il sistema, riducendo a 200 il totale dei soldati statunitensi in Slovacchia.

error: ll Contenuto è protetto