LA POLIZIA COMPRA LA LANCIA DELTA. IL 30% DEL PARCO AUTO FERMO AI BOX

Sono
circa 24 mila i mezzi totali in carico alla polizia italiana, ma un terzo di
questi è in riparazione costante. Milano, Torino e Bari, ad esempio, hanno a
disposizione circa 500 vetture ognuna, ma una media di 170 vetture per città
sono ferme dal meccanico.


A Napoli su mille automobili 300 sono in riparazione.
Non va meglio nella capitale, dove a fronte delle 1.600 vetture disponibili,
circa 500 sono ferme ai box. La colpa di tutto ciò è da una parte della
cronica mancanza di fondi, che impedisce di saldare le fatture ai meccanici i
quali, per tutelarsi, non riconsegnano le auto se non dopo il saldo dei lavori
(o addirittura non li fanno finché non vedono la concreta possibilità di
essere pagati); dall’altra incide molto l’usura dei mezzi, che acuisce i
problemi di meccanica. Le volanti, tanto per fare un esempio, hanno in media
200 mila chilometri sotto le gomme, a volte anche 300 mila, e tutti passati con
una guida cosiddetta “operativa”, che stressa le vetture molto più di un
normale conducente di auto. A questo poi si devono aggiungere le auto
virtualmente in servizio ma ferme o per mancanza di rinnovo assicurativo o per
mancanza di carburante.
L’ultimo
acquisto
Certo
qualcosa si cerca di fare, ma è davvero troppo poco rispetto alle esigenze
operative ordinarie sul suolo italiano. Da poco è stata firmata infatti una
commessa per 190 Lancia Delta da assegnare al Nucleo prevenzione crimine, ma a
fronte di questo impegno restano scoperti decine e decine di commissariati
distaccati dove spesso le pattuglie restano appiedate.

Per non
parlare dei doppi turni che le auto sono costrette a sopportare (e non solo
quelle della polizia, ma anche dei carabinieri): una stessa vettura, cioè,
viene utilizzata sia dalla pattuglia in servizio sia da quella che monta subito
dopo. Cambiano le forze, ma l’auto resta la medesima.
Commenti Facebook

Lascia un commento

error: Content is protected !!