LA MADRE DEL CAPORAL MAGGIORE TOBINI: “MI VERGOGNO DELL’ITALIA PER CUI MIO FIGLIO MORÌ”

Tasse esorbitanti, scandali e personaggi che non fanno onore alla nostra
Patria”. Così la mamma di David, morto in Afghanistan.
Sono Anna Rita Lo Mastro, la madre del 41ismo caduto in Afghanistan:
David Tobini
.


Scrivo queste righe per dimostrare tutta la mia indignazione verso tutto ciò
che si sta rivelando in questa Italia, tutto quello che sta succedendo!
Come cittadina italiana ho il diritto che hanno tutti gli italiani, di
sapere e chiedere dove vanno a finire i nostri sacrifici e gli onerosi tributi
ai quali siamo sottoposti.
Ho il diritto, visto che oltretutto ho perso un Figlio per questa Italia,
di essere rammaricata e fortemente arrabbiata, per essere rappresentata, come i
media ci informano, da personaggi che certo non portano alto l’onore di quella
che ancora molti di noi considerano patria.
I cittadini chiedono:
I soldi sequestrati, che a quanto pare non sono stati guadagnati in modo
legittimo e trasparente, in quali casse andranno a finire? Visto l’orlo del
precipizio sul quale ci troviamo perchè non destinarli al loro giusto posto per
realizzare gli obiettivi che rappresentavano il programma di coloro che sono
stati eletti? Eletti dal popolo che non hanno avuto vergogna di tradire!
Vogliamo che termini la vergogna di vedere gente anziana rovistare nei
cassonetti dopo aver lavorato onestamente una vita. Guardando e leggendo
notizie sui vari quotidiani, il mio dolore si eleva a livelli esponenziali.
La mia rabbia cresce, perchè devo ricordarvi che mio figlio, come
tanti altri, ha dato il sangue per questa nazione, di cui oggi dobbiamo
vergognarci!
Vogliamo essere consapevoli e partecipare all’impiego dei nostri soldi,
frutto di sacrificio. Siamo noi a pagare le tasse, tasse salatissime che non ci
permettono di vivere una vita dignitosa. Siamo sommersi da disservizi, né siamo
tutelati sotto alcun punto di vista! Paghiamo tasse esorbitanti, per ciò che
abbiamo costruito a nostre spese e con fatiche di una vita!
A noi cari signori, nessuno ha elargito compensi e contributi generosi,
per aver quel poco che abbiamo a suon di sacrificio e sudore. Dove sta scritto
che, quali contribuenti, non dobbiamo essere informati di dove questi soldi
vadano a finire?
Dove sta scritto che, quale contribuente cittadina italiana senza nessuna
pecca, se non quella di avervi dato un figlio, perso soprattutto per voi, io
debba restar seduta ad assistere a questa vergogna che avete creato, sentendomi
anche rispondere dalla regione Lazio che siete in deficit? Ah si?
A nome di tutti i cittadini italiani, esprimiamo la nostra rabbia e la
totale disistima nei confronti di chi sta affossando questo Paese,
rammentandovi che nessun colore o nessun simbolo politico può giustificare
tanta vergogna! Una vergogna trasversale! Noi esistiamo, guardiamo e
giudichiamo!
I cittadini italiani ora si aspettano risposte pratiche! Gli Italiani
sono un popolo buono, ma ricordate non fesso.

FONTE