ISIS: FRANCIA, AL VIA RAID AEREI IN SIRIA

L’esercito Francese ha sferrato
i primi attacchi in Siria.  Sono stati formalmente annunciati da una
dichiarazione dell’Eliseo, senza precisi indicare precisamente i luoghi delle
operazioni e le date.


Gli obiettivi attaccati sono vari, tra cui
Rakka, la città del centro del paese, che è considerata la roccaforte
dell’organizzazione islamica statale.
Ecco la dichiarazione dell’Eliseo:
“Lo abbiamo fatto sulla
base delle informazioni raccolte durante le operazioni aeree proseguite per più
di due settimane, nel rispetto della nostra autonomia di azione, in
coordinamento con i nostri partner della coalizione. “
Abbiamo colpito “tutti coloro
che minacciano la Francia
 ‘, aveva detto il
ministro Jean-Yves Le Drian, in un’intervista con Le Monde
 il 18
settembre. Ma se l’Air Force francese è integrato nel comando americano a colpire in Iraq, Parigi, insiste
nel sottolineare che le operazioni sono condotte in modo indipendente in Siria. “Abbiamo
la nostra discrezione, i nostri obiettivi e le azioni di intelligence,

ha detto il Ministro Le Drian a Le monde.
E saranno attaccati nelle prossime
settimane i centri di comando, i campi di addestramento e la logistica
dell’organizzazione terroristica, ciò che i militari chiamano “centri di gravità”
del nemico. Secondo la Difesa, non sarà attuata una “massiccia
campagna di atta
cchi”, ma solo colpi mirati.

Americani, russi, siriani:
affollato cielo sopra Rakka
L’intervento di aerei francesi nella zona
non è esente da rischi. La Russia, nei giorni scorsi, ha rafforzato le
capacità militari in Siria a sostegno del regime, con l’installazione di una
trentina di aerei da ricognizione e attacco al suolo, Sukhoi 24 e 30. Il cielo
di Rakka è, quindi, potenzialmente affollato.
Il Ministro Le Drian ha comunque assicurato
che gli aerei da combattimento russi, ma anche siriani, non saranno gli
obiettivi, a condizione che non commettano attacchi contro gli aerei della  coalizione. 

Leave a Reply