I DUE CARABINIERI ACCUSATI DI VIOLENZA SESSUALE “NON DEVONO CHIEDERE SCUSA A NESSUNO”

I due carabinieri accusati di violenza sessuale da due studentesse americane a Firenze “non devono chiedere scusa a nessuno”. Lo ha detto il difensore del militare scelto Pietro Costa, dopo l’incidente probatorio in cui sono state acquisite le testimonianze delle vittime. Le giovani hanno confermato le accuse dopo dodici ore e mezzo di interrogatorio. Durante le deposizioni, una delle due ragazze è scoppiata in lacrime.

Nell’aula bunker di Firenze è stata ribadita la linea della difesa, secondo cui i rapporti sessuali furono consenzienti. “Tutt’al più sono stati fessi a metterle nella macchina di servizio per accompagnarle a casa”, ha aggiunto l’avvocato Carta, affermando che il suo assistito “è sconvolto” e che verrà fatto “il possibile per accertare la verità”. “Un terzo delle 260 domande che ho proposto al gip non sono state fatte, ma siamo comunque soddisfatti, questa è solo una fase del processo”, ha concluso il legale.

Il pianto della ragazza – Dal canto loro i legali delle ragazze hanno riferito che ci sono stati “momenti drammatici e di sofferenza” durante le due deposizioni. L’avvocato Francesca D’Alessandro ha riferito che la sua assistita ha pianto “quando le è stato chiesto di ricordare il momento dello stupro. Ne ha parlato con molta sofferenza, è stato un pianto liberatorio, il superamento di uno scoglio. Ora può affrontare meglio il suo percorso di riabilitazione”.

Commenti Facebook

Lascia un commento

error: Content is protected !!