Finanziere arrestato con quasi mezzo chilo di cocaina

Militare della Finanza, in servizio al porto di Savona, fermato dai colleghi a Pordenone con quasi mezzo chilo di cocaina in macchina. Un arresto clamoroso che ha creato imbarazzi ai vertici delle Fiamme Gialle non solo locali e su cui c’è anche l’attenzione dell’antimafia della Dda di Genova.

Leggi anche COVID-19, governo: misure per lo svolgimento dell’attività giudiziaria e per il potenziamento del servizio sanitario nazionale

Nella macchina, una Renault Clio, aveva quasi mezzo chilo di cocaina. A guidare l’auto con il carico di stupefacente martedì sera c’era un appartenente della Guardia di Finanza, in servizio al comando di Savona. L’appuntato scelto, in versione autista-corriere, è stato arrestato con l’accusa di essere uno spacciatore all’una e mezza di pomeriggio nei pressi di Pordenone. Un corriere non di piccolo calibro alla luce del quantitativo trovato: 421 grammi.

Il finanziere lavora al nucleo delle Fiamme Gialle in porto a Savona  addetto ai controlli nei pressi dei varchi doganali.

Leave a Reply