DIFESA E SICUREZZA, COMELLINI: “MINISTRA PINOTTI SI SCHIERI CON LA TRUPPA ED I CITTADINI”

“Suvvia Roberta, a parte tutto so che puoi farcela a leggere fino in fondo il parere dei grillini senza farti distrarre dalla pletora di generali che ti ronza attorno. Tu passi, loro restano e seppure sembra brutto a dirsi loro sono la “casta”. Suvvia Roberta so che puoi farcela a stare dalla parte della truppa e dalla parte dei cittadini. Non ci deludere.”

E’ questo l’appello che il Segretario del Partito per la tutela dei diritti dei militari e delle forze di polizia, Luca Marco Comellini, lancia alla Ministra Pinotti al termine di una lunga lettera pubblicata sul suo profilo Facebook in vista dell’odierno voto delle Commissioni parlamentari sugli schemi di decreto per il riordino delle carriere dei militari e poliziotti.

Ecco il testo pubblicato già nelle prime ore di questa mattina che sta già circolando in molti gruppi di militari sul noto social:
” Il riordino che tanto piace alla Pinotti è una schifezza, il solito regalo ai generali. Un provvedimento che umilia il personale militare onesto e laborioso che rischia la vita nelle missioni di guerra, in mezzo al mare, nei cieli o per le strade delle nostre città. Un riordino che gratifica solo i soliti amici degli amici.
Diversamente dal prono parere del relatore i pentastellati le dicono tutte e senza mezzi termini. Dopo aver letto quello che scrivono i grillini si ha la netta convinzione che se passa questa porcata quando la Pinotti avrà liberato il Ministero della difesa dalla sua presenza si dovranno ricostruire interamente la struttura gerarchica e il trattamento economico del personale delle forze armate per evitare danni peggiori.
Siccome la speranza è sempre l’ultima a morire provo a lasciare questo post indirizzato alla Pinotti sul mio profilo facebook. Chissà, magari lo legge e riflette….
Roberta Pinotti ti prego, leggi il parere dei senatori del M5S e almeno per una volta rifletti sulle tue future azioni lasciando da parte i cattivi consigli di quelli che ti ronzano attorno e che continuano a farti fare errori su errori. Quelli che ti hanno detto che questo riordino piace ai militari ti hanno detto una grande cazzata.
Roberta prova a farti un giro per le caserme e vai a vedere in quali condizioni lavora la truppa e quali invece sono quelle dei dirigenti. Invece di aumentare la paga ai caporali vuoi aumentarla agli ufficiali e ai generali di corpo d’armata prossimi alla pensione (vuoi dare pure l’assegno demografico a chi per età avanzata e quindi per una semplice questione naturale normalmente è già nonno) e questo solo perché ti hanno fatto credere che i generali sono sottopagati rispetto agli altri dirigenti della pubblica amministrazione. Forse sarà pure vero ma nelle altre amministrazioni i dirigenti generali si contano sulle punte delle dita di una mano, nelle forze armate e nell’Arma dei carabinieri ci sono tanti generali di corpo d’armata quasi quante sono le scrivanie del ministero. per non parlare di quelli di divisione che comandano plotoni e di brigata che comandano se stessi…
Se volevi riformare le forze armate e ridare dignità al personale hai sbagliato completamente nel merito e nel metodo e come già avvenuto con la porcata della soppressione del Corpo forestale dello Stato e la forzata militarizzazione del personale deportato nell’Arma con arroganza, otterrai effetti che in breve tempo daranno pessimi frutti.
E poi, diciamolo. Recentemente, solo recentemente, tu e i tuoi compagni dipartito avete iniziato a parlare di “Difesa comune europea” … belle parole. ma restano tali e quali quando ti appresti a varare un provvedimento che farà a pezzi il morale e la dignità del personale delle nostre forze armate (le nostre, di noi cittadini che le vorremmo efficienti a garanzia della nostra Patria e delle libere istituzioni democratiche). Con cosa ti presenterai al cospetto di un Europa che ora punta verso una “Difesa comune”? Con un esercito di dirigenti strapagati e con una truppa demoralizzata e sempre più incazzata, impoverita e con le pezze sul culo?
Lascia perdere il riordino è chiaro che è un grosso casino e i danni potrebbero essere peggiori della pezza che stai tentando di appiccicare sulla dignità ferita del personale militare in eterna attesa (esclusi i generali, quelli stanno sempre bene). Roberta fai una bella cosa, un gesto di amore e di rispetto per i cittadini militari, di al tuo capo che forse è meglio fermare sta stronzata di riordino e fai in modo che al personale militare e delle forze di polizia sia dato subito un bel rinnovo del contratto di lavoro.
Pensa Roberta che bei titoli da prima pagina. “Il PD ritira il riordino delle carriere e procede coi rinnovi contrattuali. Aumenti consistenti per i gradi più bassi” e ancora “Soddisfazione nelle caserme. Il Partito democratico dalla parte della truppa. Aumenti ai caporali e riduzione dei generali”. Sai quanto sarebbe bello? Pensa Roberta avresti almeno altri nuovi 400mila sostenitori che alle prossime primarie farebbero la fila per votarti al grido di “Roberta Roberta….” (certo, la poltrona da segretario del PD non è come quella del Colle ma insomma, bisogna pure sapersi accontentare).
Tornando al riordino sono sicuro che converrai con me che i gradi oggi come oggi servono a poco soprattutto quando alla fine del mese la differenza in busta paga è irrilevante. In dei conti col grado di luogotenente non ci fai la spesa ne te lo puoi mangiare.. al massimo ti ci puoi pagare un caffé ma più di questo non credo sia possibile.
Suvvia Roberta, a parte tutto so che puoi farcela a leggere fino in fondo il parere dei grillini senza farti distrarre dalla pletora di generali che ti ronza attorno. Tu passi, loro restano e seppure sembra brutto a dirsi loro sono la “casta”. Suvvia Roberta so che puoi farcela a stare dalla parte della truppa e dalla parte dei cittadini. Non ci deludere.”
Commenti Facebook

Lascia un commento

error: Content is protected !!