Comandante carabinieri: “Allo studio lʼintroduzione della body cam”

Il comandante generale dei carabinieri, Giovanni Nistri, ha annunciato che è allo studio la possibilità di dotare i militari di body cam.

L’obiettivo è quello di “documentare ogni fase degli interventi, consentendone l’oggettiva ricostruzione, a beneficio dell’autorità giudiziaria, dei nostri militari e, non ultimo, dell’opinione pubblica, talvolta disorientata dalla diffusione di filmati tanto suggestivi quanto parziali ed estemporanei”.

E’ stato il comandante generale dell’Arma Giovanni Nistri, intervenuto oggi alla cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico 2018-2019 della Scuola Ufficiali, a lasciare intendere che le microtelecamere da indossare sulla divisa potrebbero essere presto adottate dai militari dell’Arma.

“Stiamo verificando la possibilità di utilizzare queste strumentazioni per una maggiore sicurezza nella rilevazione video, per un miglioramento della trasparenza e per lo stesso personale, che sarà maggiormente tranquillo perché operare sul territorio espone a dei rischi non indifferenti. Il dato dei 1.583 carabinieri feriti o contusi per aggressioni criminali induce a qualche riflessione”, ha aggiunto al termine della cerimonia.