«CHIEDO A TUTTI VOI UNA PREGHIERA» L’ULTIMO SALUTO AL CARABINIERE UCCISO

(di Giovanni Camirri) – «Chiedo ad ognuno di voi di regalarmi una preghiera,
anche piccola, che colmi questa sua assenza fisica. Tutte insieme rimbomberanno
agli occhi di Dio». 


Così Stefania, la moglie dell’appuntato scelto dei carabinieri Emanuele
Lucentini ucciso da un colpo accidentale esploso da una mitraglietta mantenuta
da un suo collega, ha dato il saluto terreno all’amore della sua vita. E con
Stefania, nella Cattedrale di San Feliciano, c’era la gente che ha voluto
esprimere la vicinanza all’Arma e salutare l’amico, il carabiniere, ma
soprattutto l’uomo Lucentini. A rendere omaggio al militare morto, con la bara
coperta dal Tricolore e un mazzo di rose rosse e la Cattedrale piena di persone,
c’era anche il collega che sabato ha vissuto con lui la tragedia.