Carabinieri: morto il generale Orlando, fu vicecomandante generale

É morto il generale dei carabinieri Stefano Orlando, che fu vicecomandante generale dell’Arma. Orlando, 75 anni, era nato a Caronia, in provincia di Messina, e nel corso della sua lunga carriera aveva ricoperto vari ruoli e comandi.

Aveva lavorato anche al Quirinale, ai tempi in cui era Capo dello Stato Francesco Cossiga.

Negli anni ’80 era stato a Catanzaro, come comandante di Compagnia. Proprio al capoluogo calabrese il generale Orlando era rimasto particolarmente legato, tanto che nel 2010 il sindaco dell’epoca, Rosario Olivo, gli conferì la cittadinanza onoraria.

L’attuale primo cittadino di Catanzaro, Nicola Fiorita, in una nota, ha definito il generale Orlando “un uomo che ha dato tanto alla Benemerita e al nostro territorio, tanto da lasciare un ricordo indelebile in quanti hanno avuto la possibilità di conoscerlo e di crescere al suo fianco”.

LEGGI ANCHE Carabinieri “infami, figli di cani”. Per la Procura quello di Fedez non è vilipendio

LEGGI ANCHE Ufficiale dei carabinieri vittima di mobbing, sentenza storica del Consiglio di Stato: “condotte con finalità ritorsiva, espulsiva e umiliante”

Biografia del Generale Stefano Orlando

Nato in Sicilia, dopo un’infanzia trascorsa ad Osimo, in provincia di Ancona, frequenta il 23º corso dell’Accademia Militare di Modena dal 1966 al 1968 e in seguito si laurea in Scienze Politiche. Entrato come ufficiale nei Carabinieri, nell’Arma ha trascorso una lunga carriera. Ha comandato la tenenza dei carabinieri di Chatillon, la compagnia di Catanzaro e in seguito il Gruppo di Bologna. Ha in seguito ricoperto incarichi di Stato Maggiore presso il Comando Generale dell’Arma a Roma.

Successivamente, dal 1990 al 1999 è stato in servizio presso la Presidenza della Repubblica con Cossiga, e quindi dal 1999 al 2007, è stato Capo Dipartimento Analisi al SISDE e poi al servizio segreto militare (SISMI).

Dal 2007 al 2008 è vice direttore del SISDE, poi AISI, fino a quando è posto alla guida del comando interregionale carabinieri Culqualber di Messina.

Nominato generale di Corpo d’Armata diviene Vice Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri dal 23 luglio 2009 al 14 giugno 2010.

Dal 15 giugno 2010 assume la carica di Comandante Interregionale Carabinieri “Podgora” di Roma. Il generale Orlando lascia la Benemerita nel 2013 dopo 47 anni di servizio.

Procedimenti giudiziari

Nel giugno 2002 finì agli arresti domiciliari a Potenza con l’accusa di rivelazioni di segreti d’ufficio e favoreggiamento. Fu prosciolto da tutte le accuse nell’aprile dell’anno successivo.

error: ll Contenuto è protetto