Ancora un suicidio: Finanziere si uccide lanciandosi dal quarto piano al Policlinico

CATANIA – Un altro uomo in divisa che si toglie la vita. Dopo il carabiniere che si è tolto la vita sabato scorso a Palermo, ieri è stato un sottufficiale della guardia di finanza di 50 anni a uccidersi lanciandosi da un balcone, tra il quarto e il quinto piano, di un edificio dell’ospedale Policlinico di Catania, dove era ricoverato da alcuni giorni nel reparto di psichiatria.

Il militare era in aspettativa per malattia da poco più di un anno. Sul posto per i rilievi del caso è intervenuta la polizia.

«È l’ennesima tragica notizia di un suicidio tra gli appartenenti al comparto difesa-sicurezza. Non è più tollerabile assistere a questa conta del dolore, accelererò i tempi per la definizione di tutte le iniziative parlamentari in materia che stiamo discutendo in commissione Difesa». A dirlo è stato il presidente della commissione Difesa della Camera, il deputato del M5S Gianluca Rizzo, appena appresa la notizia del suicidio del sottufficiale della Guardia di finanza,

«In questi sei anni di esperienza in commissione, prima da deputato e oggi da presidente – continua Rizzo – ho dato il massimo nella difesa dei diritti dei lavoratori del comparto. Basta con gli annunci di facciata e con le promesse di attenzione al tema, utili a costruire strutture autoreferenziali: si proceda a un cambio di marcia sul tema con i fatti, subito. Il mio cordoglio e la mia vicinanza più sincera alla famiglia e ai colleghi dell’autore del drammatico gesto».

LEGGI ANCHE Ancora un suicidio: Maresciallo della Marina Militare trovato morto a Ladispoli

Redazione La Sicilia.it

Immagine di repertorio