Alpina s’impicca in caserma a 30 anni: Settimo Reggimento sotto choc

Era rimasta in caserma ieri, giornata festiva, quando quel luogo si svuota mostrando una tristezza infinita. Nel pomeriggio ha deciso di farla finita.

È quanto riporta il Gazzettino.it. E ‘stata trovata dai colleghi al loro rientro: TR, alpina trentenne , di origini veronesi, era  morta nel suo alloggio, nella caserma Salsa . La soldatessa trentenne, già in servizio per 4 anni come fuciliere a Orcenigo in Friuli, aveva deciso di farla finita  impiccandosi a porte chiuse .

Immediato l’allarme con la richiesta di soccorso al 118: sul posto i sanitari, che pero ‘non hanno potuto fare altro che constatare la morte della donna. Per T..R. era troppo tardi.

Sul posto, nel pomeriggio di ieri, sono arrivati ​​i carabinieri del Comando di Belluno, per effettuare i rilievi e gli accertamenti del caso ed escludere gli eventi di responsabilità.

Il caso – secondo quanto riporta il Gazzettino – sembrerebbe riconducibile ad uno stato di tristezza profonda della donna che potrebbe essere esploso ieri sera quando era praticamente sola.

La giovane di origine veronese era arrivata a Belluno alla caserma Salsa, dieci anni fa, come alpino volontario. Era un persona piuttosto introversa – sottolinea il Gazzettino.it – che forse non riusciva ad abituarsi ancora all’ambiente della caserma. I suoi interessi erano la palestra dove si rifugiava spesso.