ABRUZZO, L’ALPINO E LA BIMBA IN SPALLA: DUE KM SUGLI SCI PER SALVARLA

“Vieni in braccio a me, ti scaldo le mani”. Rachele ha cinque anni e, insieme alla sua famiglia, è stata evacuata dal comune di Valle Castellana (Teramo) per l’emergenza maltempo che ha colpito l’Abruzzo. Nessun mezzo è riuscito ad arrivare in paese, per raggiungere l’elicottero che li porterà in salvo, è necessario percorrere più di due chilometri in mezzo alla neve. “Rachele – racconta la mamma, Marina Bianchini, che ha pubblicato la foto sul suo profilo Facebook – a un certo punto non ce la faceva più, era stanca, aveva freddo e si è fermata. Non riusciva più ad andare avanti”. In suo aiuto, però, è arrivato un alpino, Mattia Popesso.

“Le ha dato un pezzo di cioccolato e le ha scaldato le manine”. Poi, dopo qualche parola per ottenere la sua fiducia, ha caricato la bimba sulle spalle fino ad arrivare all’elicottero. Questa l’immagine immortalata dalla mamma della piccola, durante il percorso. Mattia fa parte della sezione del Cai di di Ascoli. Sulla pagina Facebook degli alpini si legge: “Grazie, soldato Mattia, non-eroe capitato per caso in una foto a rappresentare tutti coloro che fanno semplicemente il loro dovere, con la testa e con il cuore. Per esservi presi cura in questo disastro della gente tenace che tiene in vita le nostre montagne, grazie”

a cura di Cecilia Greco per Repubblica.it