A PALERMO SI SPARA PER STRADA, MA MANCANO LE VOLANTI E VOGLIONO DEPOTENZIARE LA POLIZIA

A Palermo si spara per strada: ma mancano le volanti
e si vogliono depotenziare i Commissariati Libertà e Oreto Stazione. Rischio
anche per il posto Polfer Notarbartolo. Il Sindacato di Polizia fa appello al
Capo dello Stato (che vive all’interno del territorio di competenza del
Commissariato Libertà che vogliono depotenziare!!!!).

Oggi rapina ad un porta valori con conflitto a
fuoco… è il buongiorno di una città che si scopre ogni giorno più violenta, ma
intanto si pensa a “razionalizzare”, sinonimo di depotenziare ma fa meno
effetto, le Polizia!!
La razionalizzazione delle poche forze della Polizia di Stato non può che
portare ad un lento abbandono del controllo del territorio.
 Sulla
situazione delle volanti a Palermo, che hanno un parco macchine che funziona
per meno di metà, che ogni anno devono penare pure per avere le divise e che
sono sostanzialmente sotto organico per le reali necessità della città abbiamo
già fatto denunce.

Ma
quello che ci preoccupa adesso e che si vogliono cominciare a depotenziare
anche i presidi di polizia quali i commissariati.
 Esiste infatti una bozza di decreto per il
depotenziamento di due importanti commissariati cittadini, quello di Oreto-
Stazione in vai Roma e il Commissariato Libertà di via Arimondi. Il
Commissariato Oreto verrebbe declassato di categoria (significa che a
comandarlo potrebbe stare un funzionario di Polizia più basso di grado di
quello che ci sta adesso), diventando meno importante, verosimilmente per avere
in un futuro non molto prossimo una diminuzione di pianta organica. Il
Commissariato Libertà, oltre a subire lo stesso declassamento del primo,
vedrebbe ridurre il numero dei suoi uomini da subito, quindi un
depotenziamento, tutto questo perché si vuole rinforzare il Commissariato di
Bagheria mandando altri uomini che la Questura di Palermo non ha se non
togliendoli dal Commissariato Libertà!!!
Siamo
al Risiko della Polizia!

Rendere meno importante il commissariato Oreto ci sembra una assurdità-
dichiara il Segretario provinciale della Consap di Palermo Igor Gelarda- perché
incide in un territorio teatro di nuovi accadimenti che ne stanno
rivoluzionando le esigenze, con una immigrazione massiccia di cui non si
conoscono i reali impatti sul territorio a medio termine! E poi proprio sulla
zona controllata dal Commissariato Oreto ci sono alcune riflessioni da fare:
l’inclusione di parte della città, in seno al Patrimonio Unesco, che aumenterà
ancora di più il flusso turistico nel centro storico della città (già il numero
dei turisti scippati a Palermo è di tutto rispetto); la realizzazione del
doppio binario ferroviario che sta portando la stazione di Palermo ad un flusso
passeggeri sempre più grande e soprattutto l’innesto del tram nella
circolazione cittadina; la crescente presenza di criminalità all’interno del
quartiere Ballarò, con sempre più cospicui innesti da parte della criminalità
organizzata straniera; la situazione di sicurezza precaria nei dintorni della
Stazione ferroviaria stessa, con tutti i reati subiti da passeggeri, anche
della vicina stazione dei bus. Come si può pensare di renderlo meno importante?
Oreto andrebbe potenziato e basta, continuano dalla Consap!
Allo stesso modo indebolire subito Libertà- Prosegue
Gelarda- non è logico. E’ vero che insiste in un territorio residenziale, con
una popolazione di circa 250.000 persone ma la criminalità, in quella zona, sta
aumentando, soprattutto per quello che riguarda i furti in abitazione, a causa
del crescente impoverimento dovuto alla crisi economica ed al fatto che le
abitazioni di quella zona sono considerate le più “ricche” della città. La zona
è davvero “una elegante zona residenziale” ma rischia di diventare preda di
criminalità provenienti da altre zone di Palermo. Ricordiamo poi che il Capo
dello Stato, vive in una zona che è di competenza proprio del Commissariato
Libertà!!!!
Recentemente poi, con una disposizione tutt’altro
che condivisibile della dirigente della Polfer, è stato distolto il personale
Polfer in servizio alla Stazione Notarbartolo verso la Stazione Centrale. Il
posto Polfer Notarbartolo è fondamentale, anzi andrebbe potenziato, perché si
tratta dell’unico posto Polfer all’interno della città di Palermo e va a
coprire uno snodo fondamentale del sistema ferroviario- tramviario palermitano.
La nostra preoccupazione, dati i tagli che stanno avvenendo in questo momento,
è che lo vogliono far chiudere.
Se sommiamo il depotenziamento del Commissariato
Libertà anche alla chiusura di Notarbartolo ecco come sguarnire il territorio
della Palermo cosiddetta “bene” ..e questo è intollerabile!!
Questo depotenziamento è pericolosissimo per la sicurezza della nostra
città…il Ministero mandi più uomini, e se non ci sono si provveda ad assumerli!

Abbiamo già richiesto la presentazione di una interrogazione parlamentare in
merito, che verrà depositata lunedì, e chiediamo un autorevole intervento del
Capo dello Stato, Palermitano, affinché Palermo non venga lasciata a se stessa!

Palermo 01/08/2015
Igor Gelarda
Segretario Provinciale della Consap