4
Shares
Pinterest Google+

 

Ha ammesso tutto. Senza troppi giri di parole ha confessato, secondo quanto spiegato dalla polizia locale, di “aver bevuto” e di essere “scappato”. È un maresciallo dell’aeronautica militare il pirata della strada che, nella notte tra sabato e domenica, ha travolto due ragazze in scooter in piazzale Cantore facendo poi perdere le proprie tracce. La caccia all’uomo – portata avanti anche attraverso la diffusione del filmato dell’incidente – ha dato i suoi frutti mercoledì pomeriggio, quando il militare – ventisette anni – si è presentato al commissariato di via Poma per assumersi le proprie responsabilità

IL VIDEO DELL’INCIDENTE: RAGAZZE A TERRA, PIRATA IN FUGA

VIDEO-10-32

Ai vigili che lo cercavano ha raccontato di non aver visto le due ragazze – che provenivano da piazza Genova – e di essere scappato perché ‘avevo bevuto’.

Le due vittime, che nel video della polizia locale si vedono immobili e ferite sull’asfalto, sono ancora in ospedale: una delle due è stata sottoposta a un delicato intervento chirurgico ed è ancora in condizioni gravi, ma non in pericolo di vita.

Il maresciallo – che viaggiava a circa 70 chilometri orari a bordo di una Nissan Qasqai, che stava per far riparare in un’officina di Varese – rischia l’accusa di lesioni gravissime e una condanna fino a sette anni di carcere, ma per ora è stato denunciato per omissione di soccorso. Le indagini dovranno fare i conti anche con l’impossibilità di eseguire l’alcol test: quando il ventisettenne si è costituito, infatti, erano già passati tre giorni dall’incidente e quindi sarà impossibile stabilire il suo livello di alcol nel sangue al momento dello schianto.

Il militare, però, presto si troverà a subire “provvedimenti seri” che l’Aeronautica ha già annunciato nei suoi confronti. “Le contestazioni a carico del maresciallo in forza a Milano sono gravi – si legge in una nota – soprattutto in considerazione del suo status di militare”.

La notizia su MilanoToday