8
Shares
Pinterest Google+

Con la circolare n. 169 del 15 novembre 2017 l’INPS fornisce importanti chiarimenti sulla prescrizione dei contributi pensionistici dovuti alle Gestioni pubbliche. La nuova circolare sostituisce la precedente, n. 94 del 31 maggio 2017, alla luce dell’esito degli approfondimenti sviluppati dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali in ordine ai profili normativi ed operativi che afferiscono a tale prescrizione. Secondo quanto comunicato dall’INPS infatti dopo il 31 dicembre 2017 non era più possibile effettuare modifiche e integrazioni sulle posizioni contributive dei dipendenti della Pubblica Amministrazione, con il rischio di perdere per sempre quei contributi, se riferiti a periodi anteriori al 2012.

Dopo numerose sollecitazioni, l’INPS ha corretto la precedente circolare 94 del 31 maggio 2017 (ora annullata), con la quale aveva indicato il 31 dicembre 2017 come data di decorrenza dell’applicazione delle regole sulla prescrizione quinquennale per i contributi ex INPDAP. Con la circolare 169 del 15 novembre 2017, che sostituisce integralmente la precedente, si precisa che l’applicazione della norma avverrà non prima del 1 gennaio 2019.

Nella circolare è anche chiarito che per i dipendenti pubblici i cui contributi erano versati alla Cassa trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS) (Ex INPDAP), i contributi prescritti potranno essere comunque recuperati con il versamento degli stessi da parte dell’ente datore di lavoro. Il rinvio dell’applicabilità della prescrizione dovrebbe permettere di garantire entro quella data, l’effettiva disponibilità, per i lavoratori, di un estratto contributivo certificato. Attualmente i dati contributivi iINPS relativi alle gestioni pubbliche sono carenti e non certificati.

Tutti i lavoratori interessati possono verificare la propria posizione contributiva, per quanto ancora non certificata, sul sito dell’INPS: accedere all’area riservata (MyINPS) con le proprie credenziali (codice fiscale e PIN o attraverso lo SPID), Area prestazioni e servizi/ Fascicolo previdenziale del cittadino/Posizione assicurativa/Estratto conto.

Previous post

FORZA ITALIA ESULTA, GRAZIE A NOI PIÙ SOLDI PER STRAORDINARI POLIZIA. MA È DAVVERO COSÌ?

Next post

CAPO DEI CAPI IN FIN DI VITA: LE ULTIME ORE DI RIINA