3
Shares
Pinterest Google+

Le indagini sull’evasione di Alessandro Menditti, il boss del clan Belforte di Marcianise, hanno dato un’accelerazione a provvedimenti che stanno eseguendo in tutta Italia i carabinieri del Nucleo Investigativo ­di Frosinone, nelle province di Latina, Napoli, Terni, Avelli­no, Pistoia ed Iserni­a.

Si tratta di ordinanza  di Cus­todia Cautelare emess­a dal GIP del Tribuna­le di Frosinone per i­ reati di concorso in­ corruzione di P.U. (­319 e 321 C.P.) nei c­onfronti di 13 person­e (13 misure cautelari d­i cui 4 in carcere, 1­ agli arresti domicil­iari e 8 obblighi di ­dimora nel Comune di ­attuale domicilio).

Il provvedimento scat­urisce da attività di­ indagine condotta da­l citato Nucleo e rif­erita a più episodi d­i corruzione, commess­i da un Assistente de­lla Polizia Penitenzi­aria (colpito da misura cautelare arre­sti domiciliari) in servizio presso Casa Circon­dariale, di Frosonone, finalizzati ­all’introduzione frau­dolenta di oggetti e ­droga all’interno delle celle dei detenuti.

A rivelare i dettagli dell’operazione è un articolo della Redazione di Cronache della Campania. “Un piano che prevedeva la fuga oltre che di Menditti anche di Ilirjan Boce, 44 anni albanese condannato per droga e associazione a delinquere 傶no al 2026. Ma questo ultimo è stato sfortunato: nel tentativo di evadere è caduto a terra da dieci metri riportando gravi ferite e fratture, venendo successivamente acciuffato e poi ricoverato a Roma. Un’azione sincronizzata con i complici che all’esterno attendevano il via libera nel cuore della notte. Ovviamente il ritrovamento di due cellulari tenuti da uno dei fuggitivi è la conferma che l’ok all’azione è arrivato dall’interno, proprio dai due compagni di cella e con una semplice telefonata o sms, questo saranno le indagini ad accertarlo. Un piano definito da mesi e studiato in ogni particolare

Innanzitutto i due detenuti hanno prima effettuato nelle settimane scorse un buco alla parete, coperta poi dal televisore che avevano nella cella. A questo punto il contatto con lesterno è diventato fondamentale, perché una parte del piano prevedeva il supporto logistico dei complici. E così si è dato il via alla fuga sabato mattina.

Mentre i due detenuti spostavano la televisione e uscendo dal buco si calavano dal terrazzino esterno con delle lenzuola, fuori contemporaneamente agivano i complici. Con scale molto lunghe, del modello di quelle usate dai vigili del fuoco, sono saliti sul muro di cinta del carcere per poi calarle all’interno del penitenziario in attesa dell’arrivo dei due.

Qualcosa però è andato storto perché mentre Menditti è riuscito a calarsi dal terrazzino, l’albanese è precipitato a terra. Menditti non si è fermato lasciando il compagno di cella a terra ferito, e, dopo aver percorso uno spazio esterno correndo velocemente, si è diretto sul punto dove c’era la scala calata dai complici. È salito sul muro di cinta e poi sceso con la stessa scala, ritrovata successivamente, e si è così dileguato, mentre il compagno di fuga è stato bloccato. Ora è caccia all’uomo in tutta Italia, ma di certo se fossero stati installati impianti anti-intrusione e anti scavalcamento, dei sensori, forse il piano sarebbe fallito sul nascere. Ora invece è caccia all’evaso.”

Previous post

BUSTA PAGA MARZO 2017. TRATTENUTE ECCESSIVE O STIPENDI DA AUMENTARE?

Next post

RIORDINO DEI RUOLI DELLE FORZE ARMATE (LE COSE NON SCRITTE)