Uomo ucciso da Carabiniere, «Taser avrebbe evitato la tragedia»

«Sembra quasi antipatico tornare sull’argomento in ogni circostanza di questo tipo, ma ahimé, siamo obbligati a farlo. Se quei militari fossero stati dotati di taser, oggi avremmo un criminale in arresto e non un corpo in obitorio».

Lo dichiara Fabio Conestà, Segretario Generale del Movimento Sindacale Autonomo di Polizia (Mosap) in merito a quanto avvenuto nel biellese la scorsa notte.

«Tanta propaganda, foto e proclami, ma alla fine nelle mani delle forze dell’ordine, c’è solo la patata bollente. Pensate che questo collega, adesso, non dovrà fare i conti con la giustizia? Ben venga il cosiddetto atto dovuto, perché gli permetterà di nominare un perito e difendersi. Ma chi pagherà tutto questo? L’Amministrazione di appartenenza o il collega di tasca propria? Ogni volta – continua Conestà – la storia è sempre la stessa: uomini in divisa chiamati a compiere il proprio dovere con il bagaglio di annose conseguenze al seguito. La scorsa notte un uomo armato di coltello ha tentato di uccidere un Carabiniere, questi si è difeso e ha sparato. Speriamo nel buon senso e che difendere la propria vita non diventi l’atto di un omicida senza scrupoli. Se chi di dovere ci avesse ascoltato – conclude – non staremmo qui a parlare di questo. Pochi proclami e più fatti, dateci il taser».

Commenti Facebook

Leave a Reply

error: Content is protected !!