RAPINATORE IN FUGA INVESTE UN CARABINIERE: I MILITARI SPARANO E LO UCCIDONO

(di Roberto Rotondo) – Inseguimento finito nel sangue, nella notte, a Gallarate: un
rapinatore, che aveva rubato una Panda minacciando il proprietario con un
coltello, ha tentato di fuggire al posto di blocco dei carabinieri investendo
un militare, ed è stato raggiunto al collo da un colpo di pistola sparato
contro la vettura in fuga. William Trunfio, 39 anni, era conosciuto alle forze
dell’ordine come un uomo che viveva di espedienti: aveva diversi precedenti
penali, in particolare per piccoli furti in aziende, in case e negli ospedali
nella zona tra Milano, Gallarate e Varese.

Era nato a Gallarate ma risiedeva
spesso anche nei pressi del lago di Varese, o alla Schiranna di Varese, dove
abita la madre. Triunfo è stato raggiunto da un solo proiettile, che ha
trapassato la spalla e si è conficcato nel collo. Lunedì sera aveva compiuto
una rapina a un distributore di benzina, rubando i soldi a due ragazze che si
erano fermate a fare rifornimento a Buguggiate. In serata aveva tentato di
pagare con una carta di credito rubata, dei generi alimentari, in un
supermercato di Gallarate aperto 24 ore su 24.
Intorno alle 3 di martedì i carabinieri lo hanno
intercettato in viale Milano, a Gallarate, a bordo di una Fiat Panda rubata la
mattina precedente in città. I carabinieri e la polizia locale stavano cercando
il ladro da alcune ore, basandosi sulla testimonianza del proprietario, che
aveva denunciato di essere stato avvicinato da un balordo armato di coltello e
di essere stato costretto a cedergli le chiavi della vettura. I militari
seguivano la Panda grazie alle telecamere di sorveglianza, e una volta
individuatala hanno intimato l’alt.

L’uomo si è fermato in via Volta. I carabinieri sono scesi
per arrestarlo, ma a quel punto l’uomo è ripartito all’improvviso, investendo
di netto il carabiniere che si trovava di fronte alla vettura, all’incrocio con
via Pietro Micca. La procura di Busto Arsizio sta cercando di chiarire con
precisione la dinamica di quegli attimi. Non risulta che il fuggitivo avesse
armi da fuoco. Trunfio è morto poco dopo l’arrivo dell’ambulanza, al pronto
soccorso di Gallarate. Il carabiniere investito ha riportato una grave frattura
scomposta a una gamba: sottoposto a intervento chirurgico, non è in pericolo di
vita.