PICCOLA E LETALE L’ARMA ANTI ISIS E’ UN NANO ELICOTTERO. COSI’ HANNO INDIVIDUATO JIHADI JOHN

Altro
che droni. Troppo grossi, troppo visibbili da terra. Ingombranti. L’arma che ha
permesso agli inglesi di individuare e poi uccidere Jihadi John, l’orrendo
tagliagole dell’isis, è una novità assoluta sul fronte di guerra. Come scrive
il quotidiano “La Stampa”, che riprende il “Mail on Sunday”
che ha avuto accesso a documenti riservati degli 007 britannici, si tratta di
un nano-elicottero lungo circa 90 centimetri e del peso di 400 grammi, che in
comune coi più diffusi droni ha il comando a distanza. Per scovare il
nascodiglio di Jihadi John ne sono stati impiegati tre .


A
metterli sul campo è stata una pattuglia della Sas, il più letale e segreto
reggimento dell’esercito di Sua Maestà. il primo di tre nano-copters dotati di
telecamere ad alta definizione con visione notturna è stato fatto decollare.
Aveva come obiettivo una casa di sei piani di Raqqa, vicina alla famosa torre
dell’ orologio della città, e nella quale, secondo informazioni fornite da
agenti locali, si nascondeva Jihadi John.


(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Alle
11,40, la telecamera dell’elicottero ha inquadrato un gruppo di persone che
usciva dall’edificio, mentre un’ auto si avvicinava per prenderle a bordo. Il
feroce tagliatore di teste è stato subito individuato nel gruppo, e dal Comando
americano di Doha si è premuto il pulsante che ha lanciato un drone Reaper
Predator, armato con un missile Hellfire, sulle coordinate indicate dal
mini-elicottero.
Dopo pochi secondi, Jihadi John è stato ucciso dalla carica esplosiva.

[FONTE]

Commenti Facebook

Lascia un commento

error: Content is protected !!