L’Esercito ha problemi con i numeri: non riesce a gestire il trattamento economico dei militari

Il Co.Ce.R. Esercito ha deliberato sulle criticità amministrative nella gestione del trattamento economico ed i relativi risvolti negativi sul morale del personale militare.

Preso atto – scrive il CoCeR Esercito – delle numerose delibere prodotte negli ultimi anni da questo Consiglio di Rappresentanza sulle annose problematiche in oggetto, nonché gli incontri con il Centro Nazionale Amministrativo dell’Esercito tesi a risolvere le questioni in materia;

Considerato il perdurare di situazioni di errore derivanti dalla gestione amministrativa centralizzata;

Preso atto che le soluzioni poste in essere hanno risolto le situazioni di errore rappresentate, ma non hanno garantito efficienza ed efficacia del servizio in via continuativa;

Considerato che ad oggi il Servizio Matricolare è in fase di accentramento presso il CNA, e che tale evenienza desta preoccupazione in considerazione di quanto già accaduto per il trattamento economico:

Preso atto che le problematiche illustrate potrebbero generare nel personale rappresentato, disaffezione e sfiducia nei confronti dell’operato dell’Amministrazione della Difesa;

Preso atto della necessità di rassicurare tutto il personale militare sugli impegni risolutori che la Forza Armata intenderà intraprendere.

Il CoCeR Esercito ha deliberato chiedere all’Autontà affiancata di porre in essere ogni utile azione per risolvere in via definitiva le criticità amministrative che si ripercuotono sul personale.